dalla Regione Marche

dalla Regione Marche

RADDOPPIO DELLA SS16 ‘ADRIATICA’ DA FALCONARA A TORRETTE, BALDELLI: “Impressa una forte accelerazione ai lavori per le quattro corsie”

 

“Cantiere dopo cantiere, prendono forma le Marche interconnesse e intermodali che la Giunta Acquaroli, insieme agli altri partner quali Anas, RFI, Quadrilatero e ASPI, sta disegnando per liberare le Marche dall’isolamento e dai lacci che hanno impedito, in passato, la crescita economica della regione”. Esprime soddisfazione l’assessore alle Infrastrutture Francesco Baldelli, in visita ai lavori propedeutici relativi al raddoppio della Statale 16 ‘Adriatica’ del tratto Falconara-Torrette, un investimento di 188 milioni di euro per un’opera attesa da venti anni e che vedrà la luce a fine 2024.

“In attesa che Anas assegni entro l’estate l’appalto per la realizzazione dell’importante infrastruttura – annuncia Baldelli – sono già state avviate le attività propedeutiche, in modo da accelerare i tempi. La filosofia dell’attuale amministrazione regionale è quella di incentivare l’attivazione del maggior numero di cantieri possibile per mettere a terra, in tempi brevi, tutte le opere cantierabili, nella consapevolezza che gli investimenti in opere pubbliche rappresentano un sostegno concreto alla ripresa economica della regione e una forte spinta alle imprese e all’occupazione”.

Ragioni economiche, ma anche legate alla salute e sicurezza dei cittadini. Osserva Baldelli: “Il raddoppio a quattro corsie dell’Adriatica nel tratto da Falconara a Torrette, consentirà a chi proviene dalla costa nord delle Marche di raggiungere l’ospedale regionale agevolmente e in maggiore sicurezza, mentre attualmente quel tratto di strada è caratterizzato da un traffico intenso e da una elevata incidentalità”.

Nello specifico, il raddoppio riguarda il tratto compreso tra l’innesto della SS76 a Falconara e lo svincolo di Torrette, per complessivi 7,3 chilometri, dei quali 900 metri di viadotto e 700 in galleria.

Gli operai sono sul posto per verificare se nel sottosuolo siano presenti ordigni bellici e, contestualmente, è in corso la bonifica del terreno, insieme ad alcune attività di monitoraggio ambientale e alla risoluzione delle interferenze con i sottoservizi. Le attività propedeutiche si protrarranno fino alla fine dell’anno, secondo il cronoprogramma comunicato dall’Anas, ma ciò non impedirà di avviare in autunno la realizzazione vera e propria dell’infrastruttura, quando sarà aggiudicato l’appalto, considerato che i lavori potranno essere svolti in sovrapposizione.

“Il raddoppio – conclude Baldelli – migliorerà anche i collegamenti con il ‘triangolo’ infrastrutturale che in molti ci invidiano, costituito da aeroporto, interporto e porto di Ancona, a cui si aggiunge anche la stazione ferroviaria del capoluogo, e sarà una tappa fondamentale del progetto di ampliamento della Statale 16 che prevede il collegamento diretto con il centro del capoluogo regionale”.

 

lunedì 10 maggio 2021  19:21

Bandiere Blu – Nelle Marche 15 conferme e una new entry: Marina di Altidona. 6 riconoscimenti anche per gli approdi

Bandiere Blu - Nelle Marche 15 conferme e una new entry: Marina di Altidona. 6 riconoscimenti anche per gli approdi

Con 16 Bandiere Blu, 15 confermate più la new entry Marina di Altidona, anche per il 2021, le Marche si attestano tra le regioni italiane con il mare più pulito e le spiagge più accoglienti. Come ormai consuetudine ogni anno in questo periodo, è stata presentata oggi la lista relativa alle spiagge insignite della Bandiera Blu. Le Marche si classificano al quarto posto con 16 bandiere, precedute da Liguria con 32 bandiere, Campania 19, Puglia e Toscana pari merito con 17.

I 15 vessilli confermati dallo scorso anno che continueranno a sventolare sulle spiagge marchigiane sono: Pesaro, Grottammare, Senigallia, Civitanova Marche, San Benedetto del Tronto, Fano, Cupra Marittima, Sirolo, Numana, Pedaso, Gabicce Mare, Portonovo di Ancona, Marotta di Mondolfo, Porto Potenza Picena e Lido di Fermo.

Le Marche si confermano tra le migliori regioni d’Italia anche per gli approdi turistici, con sei bandiere blu 2021: Marina dei Cesari a Fano per l’area pesarese; il porto della Rovere a Senigallia, Marina Dorica ad Ancona e il porto di Numana per la provincia dorica; per il Fermano c’è Marina di Porto San Giorgio, mentre per l’ascolano si trova il porto di San Benedetto del Tronto con il Circolo nautico sambenedettese. In questo caso le Marche si piazzano dopo Liguria (15), Friuli Venezia Giulia (12), Campania e Sardegna (10), Toscana e Veneto (7).

Il programma internazionale Bandiere Blu, guidato dall’organizzazione no-profit Foundation for Environmental Education (FEE) assegna il suo riconoscimento di qualità ambientale alle località le cui acque sono risultate “eccellenti” negli ultimi 4 anni, in base alle analisi eseguite dalle Arpa (Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente). Ma le acque pulite sono solo il primo passo per aggiudicarsi il vessillo blu. Sono ben 32 criteri di valutazione del programma, aggiornati periodicamente, che bisogna soddisfare. Dalla presenza di vaste aree pedonali, piste ciclabili, arredo urbano curato e aree verdi alla raccolta e gestione dei rifiuti, dal livello dei servizi delle spiagge e dell’ospitalità alberghiera all’impegno delle amministrazioni per l’educazione ambientale di giovani, turisti e residenti.

 

 

PSR Marche per il 2020/2021: domani tappa nel piceno, a Montalto delle Marche

 

Presenti il Vicepresidente e Assessore all’Agricoltura della Regione Mirco Carloni, il sindaco di Montalto Daniel Matricardi e Lorenzo Bisogni, Autorità di gestione del PSR Marche

 

 

Montalto delle Marche, 11/05/2021 – Il ciclo di incontri per la raccolta delle istanze per l’agricoltura e lo sviluppo rurale della Regione Marche fa tappa a Montalto delle Marche domani 12 maggioDalle ore 18.00 alle ore 21.00 si terrà l’appuntamento presso la Cantina Sociale Valdaso di Montalto. Interverranno il Vicepresidente e Assessore all’Agricoltura della Regione Marche Mirco Carloni, il sindaco Daniel Matricardi, l’Autorità di Gestione PSR Marche Lorenzo Bisogni e vari operatori del sistema rurale.

Dopo lo “stop” imposto dalle restrizioni per l’emergenza sanitaria, la Regione Marche riprende questa settimana il percorso di ascolto e di condivisione, intrapreso a febbraio, con quanti operano nel sistema rurale. In vista dell’emissione dei prossimi bandi, gli incontri sono finalizzati a raccogliere contributi utili a migliorare l’utilizzo delle risorse che, grazie al cofinanziamento comunitario del biennio 2021-2022 di circa 170 milioni di euro, potranno sostenere e sviluppare un territorio regionale gravemente colpito, prima dal sisma poi dagli effetti della pandemia.

Sono 5 gli incontri previsti a livello regionale (uno per provincia), finalizzati alla raccolta e all’analisi delle istanze provenienti dalle diverse aree che compongono la Regione, ognuna con vocazioni e caratteristiche specifiche. Per la Provincia di Ascoli Piceno, domani il roadshow sarà quindi a Montalto delle Marche.

“Siamo fieri di ospitare a Montalto un momento di confronto, condivisione e scambio a livello regionale e felici di poter partecipare allo sviluppo rurale di tutto il comprensorio” – dichiara il sindaco di Montalto delle Marche Daniel Matricardi.

È possibile seguire l’evento in presenza, nel pieno rispetto delle normative e dei protocolli anti-Covid, dopo essersi registrati via web. Oppure partecipare online su  www.facebook.com/PSRMarche/ o www.youtube.com/user/quiblogpsrmarche.

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com