Marini: “Castelli e Fioravanti facciano decidere i sambenedettesi, inopportune le loro “scorribande”; a San Benedetto serve l’ospedale di primo livello”

Marini: “Castelli e Fioravanti facciano decidere i sambenedettesi, inopportune le loro “scorribande”; a San Benedetto serve l’ospedale di primo livello”
San Benedetto del Tronto, 2021-07-19 – Riceviamo e pubblichiamo

<<“Demolizione e ricostruzione del Madonna del Soccorso una boutade elettorale”
Dato che San Benedetto è diventata la prima città del piceno per numero di abitanti e dato che alle elezioni con il nuovo governo di centrosinistra la città troverà una nuova primavera, trovo inopportuno che Castelli e Fioravanti dopo aver creato danni alla sanità e alla città di Ascoli vengano a fare “scorribande” e ad infierire su vicende sambenedettesi.
Riguardo la vicenda dell’ospedale non possiamo far altro che confermare quello che diciamo da tanti anni in maniera chiara e netta: nel piceno serve un nuovo ospedale di primo livello. 
La nostra proposta è stata sempre quella di costruire un ospedale in più e non uno in meno come bugiardamente sostenuto dalla destra, e da sempre ribadiamo la necessità di mettere la sanità del piceno al pari di tutte le altre della regione.
La delibera assunta dalla regione prevede la realizzazione di un nuovo ospedale a San Benedetto, a noi come ricordato da qualche osservatore locale, ci sembra tanto più una boutade estiva ed elettoralistica piuttosto che una cosa seria. 
Per essere seria e credibile la proposta deve essere corredata da due elementi fondamentali: l’atto amministrativo dove viene indicata l’area dove dovrà essere realizzata la struttura e soprattutto deve contenere l’indicazione di ospedale di primo livello con tutte le relative specialistiche.  Se mancassero queste due cose elementi è del tutto evidente che siamo alla solita bugia della destra di stampo elettoralistico. 
Anche perché la confusione sotto il cielo della destra è enorme: il sindaco Piunti fino ad oggi è rimasto in religioso silenzio, come se la cosa non lo riguardasse. Castelli e il sindaco di Ascoli parlano addirittura di demolizione e ricostruzione del Madonna del soccorso. La quinta colonna della destra cioè il fantomatico comitato a guida Lega-Baiocchi non sapendo articolare una proposta sulle frasi senza senso compiuto di Castelli e Fioravanti non fa altro che prendersela con i sindaci della vallata del Tronto che legittimamente hanno rivendicato il ruolo della compartecipazione e condivisione.
Al Madonna del soccorso in questo anno è andata avanti solo la vecchia programmazione con i nuovi primari di ortopedia e chirurgia, mentre nulla si è fatto sul fronte dell’area vasta. Che fine ha fatto otorino che doveva essere trasferito a San Benedetto? Che fine ha fatto la traumatologia che doveva essere sviluppata a san benedetto? Davvero vogliono spostare la geriatria ad Ascoli?
Dopo 5 anni di governo Piunti sappiamo cosa è la destra al governo della cosa pubblica. Nella migliore delle ipotesi il nulla cosmico come accaduto a San Benedetto. Da sambenedettese non credo più alle bugie. Per questo chiedo di sapere in maniera chiara 
– se l’ospedale da realizzare sarà di primo livello oppure no;
– dove sorgerà il nuovo ospedale;
– se è vero che si tratta di demolizione e ricostruzione del Madonna del Soccorso;
– quanti posti letto avrà l’ospedale.
Noi continueremo a sostenere che il piceno abbia bisogno di un ospedale di primo livello, di oltre 500 posti letto la cui ubicazione se fosse nell’area del sambenedettese non potrebbe chiaramente che farci piacere.>>
Alessandro Marini
Segretario circolo Nord PD SbT
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com