Monteprandone tra i Comuni Ricicloni

Con il 76,72% si attesta sopra la media regionale delle Marche

Monteprandone, 2019-10-02 – Monteprandone è tra i 162 “Comuni Ricicloni 2019” delle Marche e tra le migliori esperienze regionali in tema di gestione dei rifiuti e, in particolare sulla raccolta differenziata, per il raggiungimento e il superamento dell’obiettivo di legge del 65%.

Infatti il Comune di Monteprandone ha raggiunto il 76,72% di raccolta differenziata secondo le stime di Legambiente Marche.

Il riconoscimento è arrivato questa mattina, mercoledì 2 ottobre, durante la cerimonia di consegna dei riconoscimenti ai Comuni, tenutasi nell’ambito della terza edizione dell’Ecoforum Marche”, evento promosso da Legambiente Marche alla quale ha partecipato l’assessore all’ambiente Fernando Gabrielli.

E proprio l’assessore Fernando Gabrielli ha ricevuto dalle mani della presidente di Legambiente Marche Francesca Pulcini l’attestato di “Comune Riciclone 2019”.

“È un riconoscimento ottenuto grazie all’impegno dei cittadini che fanno bene la raccolta differenziata – spiega l’assessore con delega alla raccolta differenziata Gabrielli – quindi un premio per i cittadini di Monteprandone. Come Comune con il 76,72% di raccolta differenziata siamo al di sopra della media regionale che si attesta al 70%. Anche se i risultati sono ottimi, non possiamo abbassare la guardia. Abbiamo chiesto un miglioramento del servizio porta a porta 2.0 al gestore PicenAmbiente e attivato un Ecosportello aperto tutti i venerdì dalle 10 alle 13 dove i cittadini possono chiedere informazioni e fare segnalazioni. Ora sarà indispensabile vigilare per evitare l’abbandono selvaggio dei rifiuti sul territorio e sanzionare chi non rispetta le regole”.




Anche per il 2017 Cupra premiata tra i comuni ricicloni

Cupra Marittima – Si è svolto il 12 dicembre presso la sede dell’ISTAO di ancona la I edizione dell’“EcoForum Marche – l’economia circolare dei rifiuti”. L’avvenimento con caratteristiche uniche a livello regionale è stato ideato da Legambiente per favorire un positivo e costruttivo dibattito tra i rappresentanti dei comuni, gestori dei rifiuti e cittadini sul tema della raccolta differenziata. L’evento ha avuto un grande successo, focalizzando l’attenzione anche sulle prospettive future regionali e sulle buone pratiche di gestione dei rifiuti verso un modello di economia circolare delle Marche.

All’interno del contenitore ha avuto luogo la XV edizione di “Comuni Ricicloni”, l’iniziativa di Legambiente che riconosce le migliori esperienze dei comuni marchigiani in tema di gestione dei rifiuti ed in particolare sulla raccolta differenziata.

Cupra Marittima è risultata tra i più virtuosi comuni della provincia di Ascoli Piceno, con un livello di raccolta differenziata pari al 71,05% e superiore alla media sia regionale che della stessa provincia.

Presente alla manifestazione per il comune di Cupra Marittima l’assessore Roberta Rossi: ”siamo sulla strada giusta ed operando progressivamente per migliorare i risultati ottenuti.”

In generale dai dati resi noti durante l’iniziativa, le Marche si dimostrano una regione virtuosa nella raccolta differenziata, superando il 65,41% di RD.

In particolare, per quanto riguarda i dati provinciali, la provincia di Macerata si attesta al 74,33%, Pesaro-Urbino al 62,87%, Ancona al 66,37%, Ascoli Piceno al 60,58% e Fermo al 58,95%.

Nella sezione dedicata ai “Comuni Ricicloni”, ad essere premiate sono state 135 amministrazioni che si sono contraddistinte per il raggiungimento dell’obiettivo di legge del 65% di raccolta differenziata.

Le Marche hanno le carte in regola per giocare un ruolo da protagoniste nel panorama nazionale sul tema dei rifiuti, prendendo ad esempio e replicando le esperienze di successo.

 




Due riconoscimenti per Castorano all’EcoForum Marche

Miglior raccolta differenziata, sopra al 65%, e Comune Rifiuti Free. Il Sindaco Ficcadenti ha ritirato personalmente i premi ad Ancona

 

CASTORANO – Due importanti risultati per il Comune di Castorano alla prima edizione dell’Ecoforum Marche – l’economia circolare dei rifiuti, promosso da Legambiente. Nel pomeriggio del 12 dicembre il Sindaco Daniel Claudio Ficcadenti si è recato ad Ancona per ritirare il premio per la migliore raccolta differenziata, al di sopra del 65%, e quello come Comune Rifiuti Free. Castorano si è posizionato, infatti, anche al primo posto a livello regionale per aver conferito nel contenitore del secco 39 chili, ovvero meno di 75 chili, pro capite all’anno di rifiuto non riciclabile.

“Siamo davvero orgogliosi – ha commentato Ficcadenti – del lavoro svolto dall’Amministrazione in questi ultimi anni: Castorano è stato l’unico Comune del Piceno premiato insieme a quello di Folignano. Ricordo che, prima che ci insediassimo, il paese raggiungeva appena il 14% di raccolta differenziata. Abbiamo raggiunto un obiettivo straordinario”.

L’Ecoforum delle Marche è il primo forum sui rifiuti organizzato nel nostro territorio. Nasce dall’idea di innovare la storica iniziativa “Comuni Ricicloni”.

Per Francesco Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente, le Marche avrebbero tutte le carte in regola per giocare un ruolo da protagoniste nel panorama nazionale sul tema dei rifiuti, ma la strada da fare è ancora lunga. “Le azioni da mettere in campo – continua Zampetti – sono definite: raccolta differenziata domiciliare spinta, il passaggio da tassa a tariffazione puntuale, adeguamento dell’impiantistica a servizio del recupero di materia, politiche di prevenzione efficaci e il trattamento dell’organico mediante digestione anaerobica e successivo compostaggio”.

Per la presidente di Legambiente Marche per raggiungere questi obiettivi è fondamentale arrivare a un dialogo tra le Ata per una pianificazione integrata.

 




Anche Monteprandone tra i “Comuni Ricicloni”

Da domani si consegnano i kit per il porta a porta 2.0

Monteprandone, 2017-12-13 – Anche Monteprandone è tra i 135 “Comuni Ricicloni” delle Marche e tra le migliori esperienze regionali in tema di gestione dei rifiuti e in particolare sulla raccolta differenziata per il raggiungimento dell’obiettivo di legge del 65%. Infatti il Comune di Monteprandone ha raggiunto il 72% nel 2016 e il 74% a settembre 2017 (dati Picenambiente).

Il riconoscimento è arrivato ieri, martedì 12 dicembre, durante la cerimonia della prima edizione dell’ “Ecoforum Marche. L’economia circolare dei rifiuti” promossa da Legambiente Marche.

“Questo premio arriva in un momento importante per il nostro territorio – spiega l’assessore all’ambiente Fernando Gabrielli – sta infatti per essere avviato il nuovo sistema di raccolta differenziata porta a porta 2.0, la modalità di conferimento dei rifiuti tramite i cosiddetti mastelli. Questo metodo rappresenta un’evoluzione del sistema in termini di modernità e innovazione sia perché migliorerà il decoro urbano, limitando il fenomeno dell’abbandono indiscriminato dei sacchetti dei rifiuti, sia perché premetterà ai cittadini che svolgono bene la separazione dei rifiuti di ottenere agevolazioni sull’importo della relativa tassa”.

Nei prossimi giorni, come già comunicato nel corso dell’assemblea pubblica dello scorso 4 dicembre e attraverso le cartoline arrivate a casa di ogni famiglia, Picenambiente consegnerà il kit per effettuare il nuovo metodo di raccolta. Si partirà dalla zona del centro storico e parte di Colle Sant’Angelo, Contrada San Donato e Colleappeso, per poi estendersi a tutto il territorio.

La distribuzione del materiale si terrà nelle giornate di giovedì 14 e venerdì 15 dicembre, dalle 9 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 17; e inoltre sabato 16 dicembre, dalle 9 alle 13 presso i locali ex ristorante in piazza dell’Aquila a Monteprandone. Per maggiori informazioni sulle vie interessate dal Porta a porta 2.0 si può visitare la pagina del sito istituzionale www.monteprandone.gov.it/aree-tematiche/ambiente/

 




San Benedetto riceve il premio “Comuni Ricicloni per le Marche”

 Il riconoscimento è stato ottenuto per aver raggiunto e superato il 65% di raccolta differenziata

 

San Benedetto del Tronto, 11-11-2015 – Il Comune di San Benedetto ha ricevuto il premio “Comuni Ricicloni per la Regione Marche” edizione 2015, organizzato da Regione Marche, Legambiente Marche e Arpam per incentivare la diffusione della raccolta differenziata.

 

L’iniziativa, versione marchigiana della campagna nazionale di Legambiente “Comuni Ricicloni”, attraverso la premiazione dei comuni che hanno superato nel 2014 il 65% di raccolta differenziata, vuole fornire un’occasione di confronto e di scambio tra le diverse esperienze regionali sulla raccolta differenziata, oltre a sensibilizzare ed informare enti e cittadini sull’importanza del riciclo.

Premiazione Comuni Ricicloni 2015
La cerimonia di premiazione si è svolta questa mattina, mercoledì 11 novembre, nella sala consiliare della Provincia di Ascoli Piceno. A ritirare la targa è stato il consigliere comunale Andrea Marinucci delegato all’ambiente.

 

“San Benedetto è tra i sette Comuni piceni ad aver ricevuto il riconoscimento – spiegano l’assessore all’ambiente Paolo Canducci e il consigliere Marinucci – per aver raggiunto il 68% nella percentuale di rifiuti avviati a recupero superando ampiamente l’obiettivo del 65% imposto dalla legge. Dobbiamo impegnarci tutti, Amministrazione, Picenambiente e cittadini, per far sì che con il nuovo sistema di raccolta differenziata porta a porta tramite mastelli, si possa arrivare alla percentuale di riciclo dell’80%. Solo superando tale limite – concludono gli amministratori – si potranno premiare i cittadini virtuosi con scontistiche sulla tassa rifiuti”.




Comuni Ricicloni premiati in Provincia

Comuni Ricicloni per la Regione Marche

Edizione 2015

I migliori risultati di raccolta differenziata per la Provincia di Ascoli Piceno

 

Appuntamento mercoledì 11 novembre alle ore 10.30

Sala Consiglio Provinciale

Palazzo San Filippo

Piazza Simonetti, Ascoli Piceno

 

 

Ascoli Piceno, 10 novembre 2015 – Domani (mercoledì 11 novembre) ad Ascoli Piceno, alle ore 10.30 presso la sala consiliare della Provincia, la premiazione dei comuni ascolani che hanno superato la percentuale del 65% di raccolta differenziata nell’anno 2014, soglia prevista dalla legge.

 

L’iniziativa è promossa da Regione Marche e Legambiente Marche con il patrocinio e il contributo di Comieco e con il patrocinio di: Provincia di Ascoli Piceno, ARPAM, ANCI Marche, UNCEM Marche, Conai, CiAl, Consorzio Italiano Compostatori, COREPLA, CoReVe, Ricrea, Sartori Ambiente.

 

All’incontro, che sarà anche l’occasione per approfondire il tema dei rifiuti, prenderanno parte l’Assessore Regionale all’Ambiente della Regione Marche Angelo Sciapichetti, la Dirigente del P.F. ciclo rifiuti della Regione Marche Francesca Damiani, il Presidente della Provincia di Ascoli Piceno Paolo D’Erasmo e la Presidente di Legambiente Marche Francesca Pulcini.




Grottammare Comune Riciclone 2015

La giuria del premio “Comuni Ricicloni per la regione Marche” ha assegnato al comune di Grottammare il riconoscimento per l’anno 2015.

Il premio verrà consegnato il giorno 11 novembre, nel corso di una cerimonia che si terrà nella Sala consiliare ascolana di Palazzo San Filippo e alla quale parteciperà l’assessore alla Sostenibilità ambientale Daniele Mariani.

 

Il titolo è stato conferito sulla base dei dati elaborati dall’Osservatorio regionale Rifiuti a 123 Comuni marchigiani (1520 in tutta Italia) che hanno superato, nell’anno 2014, il 65% di raccolta differenziata e che si aggiudicano i 95mila euro messi in palio dalla Regione Marche che sta adottando l’atto di riparto delle risorse per il premio ai comuni vincitori.

 

L’iniziativa è organizzata da Legambiente Marche onlus, con il patrocinio di Provincia di Ascoli Piceno, ANCI Marche, UNCEM Marche, Comieco, Conai, CiAl, Consorzio italiano compostatori, COREPLA, CoReVe, Ricrea, Sartoni Ambiente.

 

Da Legambiente fanno sapere che “i Comuni Ricicloni quest’anno sono 192 in più e raggiungono la cifra di 1.520 municipi distribuiti in gran parte nel Nord-Est  (Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige sono le regioni con la più alta concentrazione di Comuni Ricicloni), con la novità della sostanziosa crescita delle località del Centro-Sud che vede aumentare i comuni virtuosi dal 18 al 25% del totale nazionale: crescono in particolare nelle Marche e in Campania. Complessivamente, il Sud erode ancora punti al Nord grazie alla Campania che incrementa i virtuosi del 15,3%, mentre il Centro si mantiene stabile grazie alle Marche che salgono ancora di un +9,5%: un Comune riciclone su quattro si trova quindi nel Centro-Sud”.




Comuni Ricicloni per la Regione Marche ad Ascoli Piceno

2 Comuni del territorio provinciale raggiungono il traguardo del 65% di differenziata e si aggiudicano la maglia diricicloni

La Provincia di Ascoli Piceno continua ad investire nella raccolta differenziata

che dal 2012 al 2013 ha registrato un incremento del 4,97%

Ascoli Piceno, 23 Dicembre 2014 – Cresce ancora la raccolta differenziata nella Provincia di Ascoli Piceno. Sono 2 i Comuni della Provincia che si sono aggiudicati il titolo diComune Riciclone per la Regione Marche 2014superando il 65% di raccolta differenziata nell’anno 2013, percentuale prevista dal Codice dell’Ambiente.

Monteprandone (70,17%) e Montefiore dell’Aso (69,25%), sono i Comuni della Provincia di Ascoli Piceno che si sono aggiudicati il titolo di “Comuni Ricicloni per la Regione Marche 2014”, l’iniziativa promossa dall’Assessorato all’Ambiente della Regione Marche e Legambiente Marche, che ha premiato nel complesso 103 Comuni marchigiani.

La percentuale di raccolta differenziata nella Provincia di Ascoli Piceno si attesta, per l’anno 2013, al 51,22%, con un incremento del 4,97% rispetto all’anno precedente. La Provincia di Ascoli Picenoha continuato ad investire nella raccolta differenziata, ottenendo buoni risultati, ma i dati evidenziano che è ancora al di sotto della media regionale, che è pari al 60,27%. Ogni abitante della Provincia, all’anno, produce 534kg di rifiuti procapite contro una media regionale di 513 kg.

 

Nella provincia spicca un’esperienza tra le più innovative nelle Marche, quella del ComunediFolignano, che con il 55,46% di raccolta differenziata, ha intrapreso dal 2010 un percorso verso la diminuzione della produzione dei rifiuti e verso l’incentivazione della raccolta differenziata, diminuendo al contempo i costi di gestione e coinvolgendo la popolazione anche attraverso la creazione di un gruppo di eco volontari. L’adozione di importanti politiche sulla prevenzione ha così permesso di raggiungere ottimi risultati. La produzione procapite dei rifiuti comunali, si attesta, infatti, a soli 284 kg procapite ed essendo inferiore di almeno il 30% rispetto alla media dell’ ATO di appartenenza, permetterà al Comune di Folignano l’esenzione dall’addizionale del 20% al tributo in discarica che dovranno invece pagare gli altri Comuni che non hanno raggiunto il 65 % di RD.

Un particolare plauso ai due Comuni di Monteprandone e Montefiore dell’Aso che hanno ottenuto il riconoscimento di “Comuni Ricicloni per la Regione Marche”. Sul versante della prevenzione, anche sulla base dell’eccellente risultato raggiunto dal Comune di Folignano la Regione Marche – ha dichiarato l’Assessore regionale all’Ambiente Maura Malaspina – proseguirà attraverso l’adozione di un Programma regionale specifico e l’istituzione del marchio di qualità “Comune libero da rifiuti” ad incrementare gli sforzi per ridurre il più possibile la produzione di rifiuti urbani nel territorio regionale in pieno accordo con le strategie Europee.”

Esprimo vivo apprezzamento ai Comuni di Monteprandone e Montefiore che hanno raggiunto risultati d’eccellenza conseguendo l’importante riconoscimento di Legambiente e il Comune di Folignano che ha intrapreso un percorso di forte sensibilizzazione dei cittadini a dimostrazione che ci sono enti locali molti virtuosi nel territorio Piceno, tuttavia come dato medio siamo l’ultima Provincia delle Marche per quanto riguarda la percentuale di differenziata – evidenzia il Presidente della Provincia Paolo D’Erasmo designato anche come Presidente dell’ATAvogliamo quindi lavorare insieme per migliorare e risalire rapidamente nella classifica allineandoci con le previsioni normative: una sfida decisiva che impegna non solo i soggetti pubblici come i Comuni, ma anche le imprese del territorio e i cittadini, è questa infatti la strada obbligata per diminuire i quantitativi dei rifiuti conferiti in discarica. Un obiettivo a cui al Provincia intende puntare con decisione guardando al rifiuto non solo come un costo, ma anche come possibile risorsa nell’ottica del riciclo e del riutilizzo“.

Partendo da un miglioramento rispetto agli scorsi anni, aumentare la percentuale e la qualità della raccolta differenziata e puntare sulla riduzione dei rifiuti sono i principali obiettivi che i Comuni della Provincia di Ascoli Piceno dovranno perseguire – hanno dichiarato Luigino Quarchioni e Francesca Pulcini, rispettivamente Presidente e Vice Presidente di Legambiente Marche -. Esiste un crescente interesse tra le amministrazioni comunali alla gestione sostenibile dei rifiuti ma è necessario accompagnare coloro che non hanno ancora ottenuto buoni risultati, puntando sul passaggio da tassa a tariffa così da perseguire un sistema più equo ed efficiente”.

L’iniziativa è stata organizzata dalla Provincia di Ascoli Piceno, Assessorato all’Ambiente della Regione Marche e Legambiente Marche con il patrocinioeilcontributodiComieco, Ricrea e Sartori Ambiente eilpatrociniodiProvinciadiPesaroeUrbino,ARPAM,ANCIMarche,UNCEMMarche,Conai,CiAl,ConsorzioItalianoCompostatori,COREPLA,CoReVe,Rilegno.