Maria Chiara Carrozza, esperta di bioingegneria e ex Ministro Itruzione, a UniMc

Lunedì 28 maggio alle 16 al Polo Pantaleoni nell’ambito dei workshop degli Stati Generali dell’Ateneo

Macerata – Maria Chiara Carrozza, docente di bioingegneria industriale alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, di cui è stata anche rettore, Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca durante il governo Letta, sarà lunedì 28 maggio alle ore 16 all’Università di Macerata. L’evento rientra nell’ambito dei workshop proposti dall’Ateneo nell’ambito degli Stati Generali, il percorso di discussione e confronto promosso dal rettore Francesco Adornato “per riflettere sul nostro modo di pensare e organizzare l’Università e per cogliere le sfide della contemporaneità”. L’incontro, che si svolgerà al Polo Pantaleoni, si aprirà con i saluti del rettore, seguiti dall’intervento della scienziata sul tema della ricerca, in particolare sui nuovi modi del sapere per costruire un mondo globale. Si termina con una sessione di dibattito e di lavori di gruppo.

Nominata quest’anno direttore scientifico della Fondazione Don Gnocchi, Maria Chiara Carrozza vanta un’intensa attività scientifica mirata all’aumento dell’autonomia e al miglioramento della qualità della vita: si è occupata di bioingegneria della riabilitazione, mani artificiali, protesi cibernetiche, sistemi per il recupero e il ripristino delle capacità sensoriali e motorie, pelle artificiale sensorizzata.

Ha ricevuto numerosi riconoscimenti, collaborando con riviste scientifiche internazionali, coordinando progetti di ricerca nazionali e internazionali, svolgendo attività didattica e seminariale in Italia e all’estero, nonché attività di valutazione della ricerca per conto di organismi nazionali e internazionali, attività di trasferimento tecnologico e di innovazione in relazione con il mondo industriale e attività di divulgazione e discussione etico-sociale.




Maria Chiara Carrozza, “I robot e noi”

Giovedì 1° febbraio alle 21 alla biblioteca Mozzi Borgetti, l’ex ministra parlerà delle nuove frontiere della robotica. L’incontro è aperto al pubblico. Venerdì e sabato, seminario per gli allievi della Scuola di studi superiori di Unimc.

Macerata, 2018-01-30 – Per tre giorni, da giovedì a sabato, su invito della Scuola di studi superiori Giacomo Leopardi dell’Università, sarà a Macerata Maria Chiara Carrozza, autrice di ricerche pionieristiche nel campo della robotica, già rettore della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa e Ministra dell’istruzione, dell’università e della ricerca nel governo Letta. 

Giovedì 1° febbraio la scienziata presenterà il suo ultimo libro “I robot e noi” (Il Mulino, Bologna 2017). L’incontro è aperto al pubblico e si svolgerà alle 21 nella Sala Castiglioni della Biblioteca Mozzi Borgetti. Il volume insegna che capire l’evoluzione della robotica è fondamentale per comprendere la sfida culturale e politica della quarta rivoluzione industriale. Viviamo, infatti, in una nuova era robotica. È l’era in cui i robot escono dalle fabbriche e iniziano ad abitare altri luoghi: l’interno del corpo umano, il mondo sottomarino, lo spazio. È l’era in cui i robot vivono in mezzo a noi, ci aiutano, ci connettono, a volte ci sostituiscono. Intraprendere questo viaggio nella robotica, quindi, significa fare un viaggio nel futuro dell’umanità.

Venerdì e sabato, 2 e 3 febbraio, la docente terrà, invece, il seminario interclasse “Natura e artificio: le frontiere della robotica” rivolto agli allievi della Scuola. Le lezioni si svolgeranno il primo giorno la mattina dalle 9 alle 12 e il pomeriggio dalle 14 alle 17 e il giorno successivo dalle 9 alle 12 nella sala Giovannetti del Palazzo degli Studi.

La neurorobotica, disciplina con notevole impatto scientifico internazionale, è da sempre il principale tema di ricerca di Maria Chiara Carrozza, autrice di ricerche pionieristiche come quelle sui robot umanoidi, protesi robotiche, sensori tattili e pelle artificiale.