Coronavirus Marche: aggiornamento

 

sabato 11 luglio 2020  09:49

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES – situazione al 11/07/2020 ore 9.00

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES - situazione al 11/07/2020 ore 9.00

Il Gores ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 1020 tamponi: 605 nel percorso nuove diagnosi e 415 nel percorso guariti. 4 casi positivi registrati: due in provincia di Pesaro Urbino, uno in provincia di Ancona e uno fuori regione.

Scarica il PDF




Coronavirus Marche: aggiornamento

giovedì 9 luglio 2020  18:11

Nuovo decreto del presidente della Regione – saune – messa a disposizione dei giornali nei pubblici esercizi – uso delle carte da gioco – ippodromi

Il presidente della regione Luca Ceriscioli ha firmato oggi il decreto n. 211, con cui si stabilisce che a far data dal 10 luglio 2020 è consentita l’apertura al pubblico delle saune in qualsiasi struttura, con caldo e secco e temperatura regolata in modo da essere sempre compresa tra gli 80° ed i 90°.
L’apertura delle saune è subordinata al rispetto delle misure già previste nel protocollo per le strutture termali e i centri benessere, alla previsione di un accesso alla sauna con una numerosità proporzionata alla superficie, assicurando sempre il distanziamento interpersonale di almeno un metro, al ricambio d’aria naturale prima di ogni turno evitando il ricircolo dell’aria, alla pulizia e disinfezione prima di ogni turno.
Sempre a partire dal 10 luglio è consentita la messa a disposizione di giornali, riviste, dépliant illustrativi o altro materiale cartaceo per la lettura o consultazione pubblica da parte dei clienti all’interno degli  esercizi commerciali, degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande (bar, pizzerie, ristoranti, etc. ) e di servizi, degli studi professionali, delle attività di parrucchieri, tatuatori ed estetisti, degli stabilimenti balneari e in generale in tutte le attività aperte al pubblico o che prevedano la fruizione da parte di clienti nonché nei circoli ricreativi alle seguenti condizioni: la messa a disposizione in più copie di quotidiani e periodici a favore dell’utenza per l’uso comune, l’igienizzazione delle mani utilizzando dispenser o altri dispositivi da posizionare nelle immediate vicinanze, l’utilizzo obbligatorio della mascherina, la rimozione dei quotidiani ogni giorno e dei periodici ogni settimana o mese per i periodici.
Nel territorio marchigiano riprende il 10 luglio anche la possibilità di uso delle carte da gioco, purché siano rispettate le seguenti indicazioni: obbligo di utilizzo di mascherina, igienizzazione frequente delle mani utilizzando dispenser o altri dispositivi da posizionare nelle vicinanze dei giocatori, igienizzazione frequente della superficie di gioco, rispetto della distanza di sicurezza di almeno un metro sia tra giocatori dello stesso tavolo sia tra tavoli adiacenti. Inoltre si consiglia una frequente sostituzione dei mazzi di carte usati con nuovi mazzi.
Il decreto firmato oggi contiene anche le linee guida regionali per il funzionamento degli ippodromi, che entreranno in vigore alla data di pubblicazione del decreto sul BUR Marche, con apertura dell’attività al pubblico il giorno successivo alla pubblicazione. Le linee guida previste dal decreto prevedono le disposizioni di carattere generale comuni per la garanzia delle condizioni di contenimento del contagio: informazione, formazione, distanziamento, regole per gli accessi, divieto di assembramento, uso dei dispositivi di protezione, riorganizzazione degli spazi, sorveglianza delle aree, sistemi di prenotazione per l’accesso preferibilmente on line, registro delle presenze per 14 giorni, rilevazione della temperatura corporea, pulizia e disinfezione di tutti gli ambienti, attrezzature e locali, ricambio d’aria.
Qualora all’interno dell’ippodromo vi siano altre tipologie di attività come ad esempio la ristorazione o negozi, mercatini o altro obbligatoriamente si applicano i relativi protocolli ad integrazione delle presenti linee guida.

giovedì 9 luglio 2020  17:59

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES – situazione al 09/07/2020 ore 18.00

 Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES - situazione al 09/07/2020 ore 18.00

Il GORES ha comunicato che oggi non si sono verificati decessi.

SCARICA PDF

 

giovedì 9 luglio 2020  15:13

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES – situazione al 09/07/2020 ore 12.00

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES - situazione al 09/07/2020 ore 12.00

#GORES #SchedaGialla

SCARICA IL PDF

 

giovedì 9 luglio 2020  12:42

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES – situazione al 09/07/2020 ore 9.00

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES - situazione al 09/07/2020 ore 9.00

Il Gores ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 1179 tamponi: 660 nel percorso nuove diagnosi e 519 nel percorso guariti. Quattro casi positivi: uno registrato in provincia di Pesaro Urbino, uno in provincia di Ancona e due in provincia di Macerata.

Scarica il PDF




Coronavirus Marche: aggiornamento

mercoledì 8 luglio 2020  18:00

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES – situazione al 08/07/2020 ore 18.00

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES - situazione al 08/07/2020 ore 18.00
Il GORES ha comunicato che oggi non si sono verificati decessi.

SCARICA PDF

mercoledì 8 luglio 2020  16:31

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES – situazione al 08/07/2020 ore 12.00

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES - situazione al 08/07/2020 ore 12.00

#GORES #SchedaGialla

SCARICA IL PDF

 




Coronavirus Marche: aggiornamento

martedì 7 luglio 2020  17:59

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES – situazione al 07/07/2020 ore 18.00

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES - situazione al 07/07/2020 ore 18.00

Il GORES ha comunicato che oggi non si sono verificati decessi.

SCARICA PDF

martedì 7 luglio 2020  13:59

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES – situazione al 07/07/2020 ore 12.00

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES - situazione al 07/07/2020 ore 12.00

#GORES #SchedaGialla

SCARICA IL PDF

 

martedì 7 luglio 2020  09:23

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES – situazione al 07/07/2020 ore 9.00

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES - situazione al 07/07/2020 ore 9.00

Il Gores ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 790 tamponi: 546 nel percorso nuove diagnosi e 244 nel percorso guariti. Un caso positivo registrato in provincia di Pesaro Urbino.

Scarica il PDF




Coronavirus Marche: aggiornamento

lunedì 6 luglio 2020  14:20

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES – situazione al 06/07/2020 ore 12.00

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES - situazione al 06/07/2020 ore 12.00

#GORES #SchedaGialla

SCARICA IL PDF

 

lunedì 6 luglio 2020  10:05

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES – situazione al 06/07/2020 ore 9.00

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES - situazione al 06/07/2020 ore 9.00

Il Gores ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 270 tamponi: 185 nel percorso nuove diagnosi e 85 nel percorso guariti. Nessun caso positivo registrato.

Scarica il PDF




Coronavirus Marche: aggiornamento

domenica 5 luglio 2020  18:44

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES – situazione al 05/07/2020 ore 18.00

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES - situazione al 05/07/2020 ore 18.00

Il GORES ha comunicato che oggi non si sono verificati decessi.

SCARICA PDF

domenica 5 luglio 2020  18:41

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES – situazione al 05/07/2020 ore 12.00

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES - situazione al 05/07/2020 ore 12.00

#GORES #SchedaGialla

SCARICA IL PDF

 

domenica 5 luglio 2020  14:19

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES – situazione al 05/07/2020 ore 9.00

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES - situazione al 05/07/2020 ore 9.00

Il Gores ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 998 tamponi: 602 nel percorso nuove diagnosi e 396 nel percorso guariti. Si registra un caso positivo in provincia di Ancona.

Scarica il PDF




Coronavirus e informazione. L’importanza di essere precisi per un buon governo dell’oggi e del domani

Firenze, 5 Luglio 2020. Se ne sentono e se ne sono sentite di tutti i colori in materia coronavirus. Per chi ha ancora qualche lacuna in merito, il web e non solo sono una fonte gigantesca di informazioni. Per non restarci male e in un certo modo compromessi, è bene fare sempre ritorno alle fonti istituzionali, anche se altre possono sembrare autorevoli. Ovviamente stiamo parlando di Europa… che se dovessimo fare riferimento alle fonti, per esempio, oltre Atlantico (Canada escluso), avremmo una notevole difficoltà a fornire le stesse indicazioni.
Non siamo presi da una ventata di amore spassionato ed incondizionato verso le nostre istituzioni sanitarie, ma è innegabile che – pur con tutti i problemi, le contraddizioni, gli errori e le difficoltà che abbiamo avuto e continuiamo ad avere – ci hanno azzeccato visto la situazione in cui siamo. Ricordiamo che all’inizio il “metodo italiano” veniva citato come esempio, e sembra proprio che fosse a ragion veduta.

Questi giorni in cui siamo tutti un po’ più rilassati, sono stati registrati dei focolai di ritorno a macchia di leopardo, e sembra che siano stati circoscritti e siano sotto controllo. Bene.
Ma per farlo, a nostro avviso, qualcuno usa, a livello di informazione, metodi molto discutibili.
Il punto critico in merito è stato toccato dal presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, che ha paventato l’uso del TSO (trattamento sanitario obbligatorio) nei confronti di chi, malato, non rispetta le indicazioni dell’autorità. Siccome crediamo che il nostro presidente del Veneto sia persona consapevole e che parla a ragion veduta, ci sentiamo di doverlo criticare. E gli facciamo una domanda:
intende governare col terrore o col buon senso e la legge?
La risposta che il presidente Zaia ci potrebbe dare è scontata (legge), ma quello che lui sta facendo è il contrario.L’uso del TSO (trattamento sanitario obbligatorio) avviene nei confronti di persone che abbiano caratteristiche psico-fisiche alterate rispetto a quella che viene considerata realtà. Quindi dovremmo interpretare la minaccia del presidente come “se non ti adegui alle ordinanze e obblighi sanitari, sei un pazzo”.
Sappiamo che in politica vige di frequente l’attribuire al proprio avversario un qualche difetto che comprometta la sua integrità mentale (e talvolta anche fisica), e quindi per questo considerato incapace di intendere le proprie ragioni che, per chi le propone sono elementari, naturali, semplici e scontate. Noi questo metodo lo lasceremmo ad un certo modo di fare politica che, oltre che non appartenerci, potrebbe essere anche suscettibile di qualche reato dei nostri codici.
Sarebbe opportuno tornare coi piedi per terra.
Ce lo ricorda il segretario generale del sindacato di polizia ‘Coisp’
“…esistono gia’ reati penali per chi e’ a conoscenza di una patologia e sono previsti dal nostro ordinamento giudiziario. ….L’articolo 438 del codice penale prevede pene tra gli 8 anni e l’ergastolo per chiunque cagioni un’epidemia mediante la diffusione di germi patogeni. Se la patologia viene certificata, e’ inoltre previsto l’obbligo di ricovero in una struttura appositamente dedicata: e’ gia’ successo in questi mesi con chi si allontanava dalla quarantena. E se la persona oppone resistenza al ricovero, viene piantonata”. (agenzia Ansa).

A cui noi aggiungiamo che tutti gli italiani, veneti inclusi, hanno dimostrato in questi mesi di essere all’altezza della situazione e di aver rispettato le disposizioni delle varie autorità (e ci si creda, tra nazionali, regionali, comunali e interpretazioni delle forze dell’ordine, era tutt’altro che facile).
Per questo gli italiani non si meritano questa minaccia di essere trattati come pazzi nel caso non ottemperassero ad un ordine dell’autorità. I gulag del mondo sono stati e sono pieni di persone considerate pazze perché non in linea con le politiche dei loro Paesi… e non ci sembra carino doverci paragonare a chi usai gulag come politica per l’ordine pubblico e sanitario.
Crediamo che il rispetto, la fiducia, la riconoscenza e la disponibilità siano elementi essenziali di un buon governo. Dovunque e comunque questo buon governo debba operare.
M dal buon governo nascono anche dei buoni governati. Tolleranza zero in materia: Ok. ma col rispetto delle leggi, del buon senso e della fiducia nei propri amministrati.

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

COMUNICATO STAMPA DELL’ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it




Movida sotto controllo? La vigilanza non può staccare alle 2 di notte

San Benedetto del Tronto, 2020-07-05 – Il servizio interforze svolto da Polizia, Polizia Municipale, Carabinieri e Guardia di Finanza disposto e coordinato dalla Questura per il controllo del territorio, nella notte scorsa ha visto 5 agenti di Polizia Municipale in servizio fino alle 2,30 del mattino. Ripetuti passaggi sono stati svolti nelle aree maggiormente interessate dal fenomeno della cosiddetta “movida” (via Montebello, via Mentana, viale S. Moretti, via XX Settembre, viale Buozzi, viale Pasqualetti, via La Spezia, via Custoza) finalizzati a controllare essenzialmente presso gli esercizi pubblici il rispetto dell’Ordinanza Sindacale in materia di prevenzione del contagio e di somministrazione di bevande alcoliche. Un locale è stato sanzionato per violazione delle norme in materia di distanziamenti ed assembramenti. Per quanto riguarda la circolazione stradale, sono state elevate 20 contravvenzioni al codice della strada (principalmente divieto di sosta).

Movida, Capriotti: “La vigilanza non può staccare alle 2 di notte”




Coronavirus Marche: aggiornamento

sabato 4 luglio 2020  17:58

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES – situazione al 04/07/2020 ore 18.00

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES - situazione al 04/07/2020 ore 18.00

Il GORES ha comunicato che oggi non si sono verificati decessi.

SCARICA PDF

sabato 4 luglio 2020  14:44

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES – situazione al 04/07/2020 ore 12.00

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES - situazione al 04/07/2020 ore 12.00

#GORES #SchedaGialla

SCARICA IL PDF

sabato 4 luglio 2020  11:15

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES – situazione al 04/07/2020 ore 9.00

Coronavirus Marche: aggiornamento dati dal GORES - situazione al 04/07/2020 ore 9.00

Il Gores ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati processati in totale 1066 tamponi, di cui 657 nel percorso nuove diagnosi e 409 nel percorso guariti. Nessun caso positivo riscontrato.

Scarica il PDF




Camerino, una serata con la Protezione Civile Veneta del Cadore

Camerino – Passata la fase più critica dell’emergenza Covid19, Camerino ha ospitato la Protezione civile veneta del Cadore. Una bella serata, trascorsa tutti insieme, per ritrovare coloro che ormai sono considerati amici della città ducale. Un rapporto nato col sisma del 2016, a seguito del quale la Protezione civile veneta si era impegnata in aiuto della comunità camerte e che ha rinnovato la sua vicinanza dopo l’emergenza sanitaria attivando ben due raccolte fondi in favore di Camerino, il cui ospedale era stato convertito a Covid19 e all’Università di Camerino, per la ricerca. Una delegazione, giunta dal Cadore, è stata accolta con una semplice cerimonia in cui sono stati consegnati gli attestati di ringraziamento per l’impegno e la solidarietà dimostrata nei confronti della città ducale. In particolare sono arrivati dal Veneto Giacomo Maroldo, caposquadra della Protezione civile ANA (Associazione nazionale Alpini) insieme ai due volontari Angelo Costalunga e Fabry De Lenart. Presente anche l’onorevole Luca De Carlo, nonché sindaco di Calalzo e Massimo Bortoluzzi, consigliere provinciale di Belluno con delega alla Protezione civile. Ospiti che sono stati accolti con grande piacere dal sindaco Sandro Sborgia che ha fatto gli onori di casa insieme alla vice sindaco Lucia Jajani e all’assessore ai servizi sociali Stefano Sfascia. Non sono mancati Antonella Menghi, coordinatrice della Proezione civile di Camerino e l’ex coordinatore Silvano Volpini. “Un particolare ringraziamento a Orlando Giustozzi – ha voluto aggiungere il primo cittadino Sandro Sborgia – che ha organizzato e coordinato il tutto dimostrando una grande attenzione nel coltivare un rapporto tra il Cadore e Camerino che ormai può considerarsi di amicizia”.