dal Piceno

Sicurezza scuole, smaltimento amianto all’Istituto “Ulpiani”
Istituto Tecnico Agrario Celso Ulpiani AP
29-07-2020

Al via riorganizzazione spazi emergenza Covid

Il Servizio Patrimonio ed Edilizia Scolastica della Provincia ha predisposto in somma urgenza lo smaltimento di pavimento contenente amianto nell’edificio scolastico della sede dell’ITA “Celso Ulpiani” di Ascoli Piceno. Tutto ciò al fine di prevenire qualsiasi criticità futura e preservare la salute pubblica. L’intervento, in raccordo con la ASUR come prescritto dalla normativa, è eseguito da una ditta specializzata con tutte le cautele del caso, a seguito di una ricognizione che ha riscontrato la presenza di amianto crisotilo nelle pavimentazioni e nei collanti sottostanti di alcuni locali dell’Istituto.

I lavori, dell’importo di circa 55 mila euro, sono stati autorizzati con Decreto del Presidente della Provincia e approvati come debito fuori bilancio nell’ultima seduta del Consiglio provinciale con il voto favorevole dei consiglieri di maggioranza e quello contrario dei consiglieri di minoranza. L’atto reca il parere favorevole dei revisori dei conti. I lavori sono attualmente in corso di esecuzione ed i locali bonificati saranno riconsegnati in tempo per l’inizio dell’anno scolastico 2020/2021.

La Provincia monitora costantemente gli edifici di competenza ed interviene prontamente in funzione preventiva per evitare rischi e problematiche. Recentemente si è provveduto a rimuovere una copertura eternit all’azienda agraria e qualche anno fa sono stati eseguiti analoghi interventi di smaltimento amianto presso le aule dell’Istituto alberghiero sito al terzo piano dell’Hotel Marche.

“La sicurezza e la salute degli studenti e del personale scolastico – dichiara il Presidente Sergio Fabiani – costituiscono una priorità assoluta per l’Amministrazione provinciale fortemente impegnata a garantire la fruizione degli spazi educativi in piena serenità. A tale riguardo – aggiunge il Presidente – ricordo che, per la messa in sicurezza delle scuole superiori di competenza in conseguenza dell’emergenza Covid, il Ministero dell’Istruzione ha stanziato per la nostra Provincia 750 mila euro. Gli uffici tecnici dell’Ente stanno già predisponendo i progetti per l’adeguamento delle aule didattiche in base alle prescrizioni e linee-guida ed i lavori saranno eseguiti durante il periodo estivo. Tutti i dirigenti scolastici hanno mostrato grande collaborazione e disponibilità e le strutture scolastiche saranno adeguate senza particolari criticità. Si procederà con affidamenti diretti in base alla recente normativa sblocca cantieri”.

Strade provinciali, interventi e progettualità dalla costa alla montagna
Impalcato in ferro - Ponte di Rubbianello
24-07-2020

Dopo l’emergenza Covid, l’Amministrazione provinciale è impegnata in un massiccio piano di restyling degli oltre 900 km della rete viaria di competenza. “Sono già in atto da qualche settimana – precisa il Presiedente Sergio Fabiani – importanti interventi su strade e ponti del territorio destinati a migliorare la mobilità. Ringrazio l’ANAS, la Regione e il Servizio Viabilità dell’Ente per l’impegno profuso che prevede oltre ai cantieri già avviati, anche progetti già in fase di appalto o in via di avanzata definizione.”

Entrando nello dettaglio della complessa mappa degli interventi viari, sulla Mezzina sono attualmente al lavoro due squadre di operai per l’assemblamento e la successiva posa delle travi in acciaio del viadotto in variante di percorso. Sarà quindi varato l’impalcato su cui poggerà la soletta in calcestruzzo. Entro agosto questa fase del cronogramma, del costo di circa 840mila euro, sarà completata senza interferire con il traffico veicolare. Quindi, a settembre, inizieranno i lavori sulla sede stradale principale.

Prosegue spedita da circa un mese la messa in sicurezza della S.P. 64 Nursina con il consolidamento dei costoni e il rifacimento del piano viario. Sempre in area cratere sisma, sono in via di conclusione le complesse opere di ripristino della S.P. 129 Trisungo-Tufo che attraversa la frazione di Pescara del Tronto, finanziate con oltre 4 milioni di euro.

Sono ripartiti i lavori di messa in sicurezza della S.P. 20 nel tratto situato nei pressi della frazione di Colle. In corso di realizzazione disgaggi di rocce pericolanti, riposizionamento di rete in aderenza rafforzamento corticale e barriere paramassi.

Prosegue anche a pieno ritmo la manutenzione straordinaria, per l’importo di 800 mila euro, sul viadotto della S.P. 227 Raccordo Ascoli Mare-Porto d’Ascoli. Ultimati i lavori in notturna per la sostituzione di alcuni giunti e, completati gli interventi in corrispondenza di via Mare, attualmente sono in corso i lavori in V.le dello Sport in prossimità dell’area camper. Successivamente sarà interessata via Pasubio.

A breve saranno affidati, per l’importo di 928 mila euro, i lavori sulla S.P. 4 Appignanese. In questo caso è previsto il risanamento del ponte al km. 3+455, il ripristino di tratti ammalorati di ampie porzioni del piano viario e il ripristino di barriere di sicurezza stradali in tratti pericolosi .

E’ stato ultimato il progetto definitivo per la sistemazione della S.P. 93 Venarottese. In questo caso, è in programma la sistemazione del ponte in corrispondenza del bivio per Olibra al km 7 per ripristinarne la piena operatività. La struttura infatti attualmente presenta una limitazione di carico a 20 tonnellate e restringimento della carreggiata a senso unico alternato. L’intervento pianificato prevede anche la sostituzione dei guardrail in diversi tratti dell’arteria e il rifacimento della pavimentazione stradale per un investimento complessivo di circa 900mila euro.

E’ in fase di progettazione, con un finanziamento MIT di circa 800 mila euro, il miglioramento funzionale della S.P. 1 Rosso Piceno Superiore. Si interverrà con la sistemazione di alcuni tratti sconnessi del piano di viario per circa 800 mila euro.

Oltre 300 mila euro saranno inoltre impiegati sulla rete viaria provinciale per interventi puntuali di varia manutenzione e rifacimento della segnaletica.

Prosegue anche la messa in sicurezza dei ponti. Sono in fase molto avanzata i lavori di ristrutturazione del ponte di Monsampietro, in località Venarotta sulla S.P.177. La vecchia struttura temporanea Bailey è stata infatti completamente rimossa. Si sta attualmente precedendo alla posa dei micropali ed al consolidamento dell’arco sottostante per poi mettere in opera le travi in acciaio. Costo dell’intervento 263 mila euro

Infine importanti novità anche per il ponte di Rubbiannello sulla S.P. n. 238 Valdaso. Sono infatti già state montate tre campate in acciaio e le altre 4 saranno posizionate entro metà agosto.




Monitoraggio stradale, il Presidente della Provincia Sergio Fabiani chiarisce

Ascoli Piceno, 9 luglio 202020 – Nota Stampa precisazione monitoraggio stradale

In queste ore sono arrivate alla Provincia e, personalmente al mio telefono, segnalazioni di utenti preoccupati per aver notato la presenza di strumenti di monitoraggio nel viadotto di Comunanza, asse stradale ormai da tempo non più gestito dalla Provincia, ma di competenza Anas. I cittadini temono che sia stato riattivato qualche sistema di tutor o autovelox per il controllo della velocità.


Ebbene, intendo rasserenare tutti. Da quanto ho potuto apprendere e mi è stato riferito, si tratta di un sistema per la rilevazione statistica del traffico veicolare e non di mezzi elettronici atti a comminare sanzioni stradali. A tale riguardo vorrei ricordare come proprio uno dei miei primi atti da Presidente della Provincia fu quello di sospendere, nel novembre 2018, il servizio di rilevazione elettronica della velocità, sia con sistema tutor che autovelox, sulla S.S. n. 78 bis “Picena” nel tratto compreso dal Km. 0+000 al Km. 6+254. Quella scelta fu assunta in riguardo alle esigenze degli utenti nell’ambito della rivisitazione delle competenze sulla rete viaria.

Colgo l’occasione per ringraziare l’Anas impegnata in fattiva collaborazione con la Provincia nelle attività di ripristino post sisma sulla viabilità locale. Sempre con l’Anas il nostro Ente ha stabilito proficue sinergie. Mi riferisco alle attività di manutenzione straordinaria sulla sopralevata di San Benedetto del Tronto e ad altri interventi sulla mobilità territoriale.

Il Presidente della Provincia

Sergio Fabiani




Al via lavori e riaperture sulle strade provinciali

Emergenza Covid-19, 750mila euro per l’adeguamento degli spazi didattici degli Istituti Superiori

Ascoli Piceno, 08 8 luglio 20200 – L’Amministrazione Provinciale accelera su strade e scuole con importanti interventi, progettualità e cantieri avviati in questi giorni e destinati a migliorare infrastrutture, mobilità e spazi didattici.

Per quanto riguarda la viabilità lunedì 13 luglio ripartono i lavori di messa in sicurezza della S.P. n.20 nel tratto situato nei pressi frazione di Colle. Per motivi di cantiere la strada dovrà essere chiusa in fasce orarie che la Provincia e l’Anas concorderanno con il Comune di Arquata del Tronto in modo da agevolare il transito dei residenti di Colle che soffrono della chiusura di questa arteria viaria ormai da qualche tempo. “Ringrazio l’Anas, la Regione e il Servizio Viabilità dell’Ente – ha evidenziato il Presidente della Provincia Sergio Fabiani – per l’impegno profuso volto a consentire la piena riapertura di questo collegamento fondamentale per il comprensorio. Saranno realizzati disgaggi di rocce pericolanti, riposizionamento di rete in aderenza e rafforzamento corticale, tutti lavori che saranno completati nel giro di qualche settimana contemperando, in questo lasso di tempo, l’esigenza di passaggio degli utenti con lo svolgimento della attività di cantiere”.

Importanti novità si profilano anche per la S.P. n.17 Castignanese chiusa in questi giorni. Sempre la prossima settimana è, infatti, in programma la riapertura parziale dell’arteria per consentire contemporaneamente il transito in sicurezza e la ripresa dei lavori. Saranno eseguiti il ripristino del piano viario e la realizzazione di opere di presidio a valle della sede stradale. La Provincia, l’Anas, il Comune di Castignano e la ditta incaricata concorderanno le fasce orarie di apertura. “Ringrazio Anas, Regione, personale dell’Ente e Comune – ha dichiarato il Presidente Fabiani – per questa sinergia operativa fruttuosa e risolutiva

Proseguono inoltre a pieno ritmo gli interventi di manutenzione straordinaria sul viadotto della S.P. 227 Raccordo Ascoli Mare-Porto d’Ascoli. Proprio in questi giorni si è svolta una riunione in videoconferenza tra tutti i soggetti interessati per il fare il punto sulle attività completate e verificare i prossimi step. Sono stati ultimati, come previsto, i lavori in notturna per la sostituzione di alcuni giunti di sottopavimentazione e, sono attualmente, in corso gli interventi in corrispondenza di via Mare con senso unico ovest – est. Da lunedì, sempre su Via Mare, proseguiranno le attività di cantiere con la chiusura di via del Cacciatore. Poi i lavori si sposteranno in V.le dello Sport in prossimità dell’area camper per poi interessare via Pasubio. Il traffico sarà funzionante da svincolo depuratore a SSl6 (Direzione Nord) e da rotatoria SSl6 a svincolo Sentina (Direzione Sud).

Ad agosto è prevista una pausa per agevolare il transito nel momento centrale del periodo estivo. Poi i primi di settembre l’intervento riprenderà su via Pasubio per concludersi entro pochi giorni. “I lavori eseguiti su questa arteria fondamentale per la mobilita – ricorda il presidente Fabiani sono stati finanziati con circa 800 mila dal euro Ministero delle Infrastrutture (MIT) e tutte le operazioni sono state concordate tra il Servizio Viabilità della Provincia, l’Ufficio Tecnico del Comune di San Benedetto del Tronto, la Regione Marche e l’Anas in stretta e proficua sinergia istituzionale”.

Per la messa in sicurezza delle scuole superiori di competenza provinciale in conseguenza dell’emergenza Covid-19 il Ministero dell’Istruzione ha stanziato per la Provincia di Ascoli Piceno l’importo complessivo di 750 mila euro. “Gli uffici provinciali stanno già predisponendo i progetti per l’adeguamento delle aule didattiche in base alle prescrizioni e linee-guida. Nelle scorse settimane sono stati effettuati incontri e sopralluoghi tra i dirigenti scolastici e i tecnici del Servizio Patrimonio ed Edilizia Scolastica della Provincia – ha sottolineato il Presidente Fabiani – per coordinare i lavori da eseguire durante il periodo estivo. Tutti i dirigenti hanno mostrato grande collaborazione e disponibilità e gli spazi scolastici saranno adeguati senza particolari criticità. Si procederà con affidamenti diretti in base alla recente normativa sblocca cantieri.




Piceno e Marche Sud abbandonate, servono risposte immediate per la nostra rete infrastrutturale

«La situazione infrastrutturale del Piceno e del sud delle Marche sta diventando giorno dopo giorno sempre più insostenibile, il nostro territorio è stato abbandonato da chi – al contrario – dovrebbe tutelarlo. Da tanti anni sentiamo parlare di progetti di potenziamento e miglioramento della rete stradale delle nostre zone, ma basta guardare l’attuale situazione della rete infrastrutturale per rendersi conto delle grandi difficoltà del nostro territorio. Il tratto Piceno dell’autostrada A14 costringe migliaia di automobilisti a lunghe code e a restare fermi in auto anche diverse ore per percorrere un tratto di strada di pochi minuti. Un vero e proprio incubo per cittadini, pendolari, turisti e per chi – suo malgrado – si trova a viaggiare per un’arteria che non favorisce l’arrivo nei nostri territori. Ora si parla del 21 luglio come possibile data per avere notizie confortanti in merito a un miglioramento della viabilità su questo tratto di strada: mi auguro davvero sia così, visti i ritardi accumulati finora. Sono evidenti a tutti i danni per il Piceno e per il sud delle Marche non solo a livello d’immagine, ma soprattutto per l’economia dei nostri territori. Come possiamo pensare di ripartire dopo il terremoto e l’emergenza sanitaria se questo è il biglietto da visita che mostriamo ai turisti che vogliono raggiungerci? Anche i più temerari sarebbero scoraggiati dal percorrere questo tratto di strada dell’A14 per venire nelle nostre splendide zone costiere e dell’entroterra. Per non parlare poi dell’Ascoli-Mare e della situazione della strada Salaria: se per la prima l’Anas ha assicurato che i lavori per la sicurezza termineranno entro una settimana, mi auguro davvero che si possano accelerare i tempi anche per i collegamenti con le zone montane. L’immobilismo sulla galleria di Trisungo – lungo la strada Salaria –sta ulteriormente danneggiando un territorio già messo duramente in ginocchio dal sisma. A breve dovrebbe essere riaffidato l’appalto dei lavori dopo il fallimento della ditta Carena, spero che tutte le procedure vengano accelerate perché anche in questo caso parliamo di una situazione ai limiti dell’assurdo. Non è più tempo di promesse, adesso bisogna agire. Servono soluzioni, reali e immediate. Perché il Piceno e il sud delle Marche sono stati dimenticati per troppo tempo. Perché la rete infrastrutturale è fragile e il territorio è ormai isolato. E perché la pazienza dei cittadini è davvero arrivata al limite».

Marco Fioravanti




Chiusura notturna del viadotto S.p. 227 Raccordo Ascoli Mare – Porto d’Ascoli

Lavori viadotto Sopraelevata SBT
10-06-2020

Lavori di manutenzione straordinaria dal 15 giugno al 17 luglio

I lavori di manutenzione straordinaria del viadotto della S.P. 227 Raccordo Ascoli Mare-Porto d’Ascoli entrano in una fase avanzata e cruciale. L’Amministrazione Provinciale comunica infatti che, a partire da lunedì 15 giugno fino al 17 luglio prossimo, la sopraelevata di San Benedetto del Tronto rimarrà chiusa al transito nelle ore notturne, dalle 20.30 alle 7.30 del mattino. Sono esclusi i giorni di sabato e domenica. Il transito veicolare sarà deviato sulla SS 16.

L’ordinanza, emessa dal settore viabilità dell’Ente, si rende necessaria per consentire alla ditta incaricata di effettuare in sicurezza la sostituzione di alcuni giunti di sottopavimentazione. Si tratta di un intervento funzionale a garantire il corretto smaltimento delle acque meteoriche di piattaforma che si aggiunge alle attività di risanamento o di riparazione degli elementi ammalorati in cemento armato. La direzione dei lavori e RUP è affidata all’ing. Gianluigi Capriotti della Provincia e complessivamente il tratto interessato dalla manutenzione va dal Km. 0+000 al Km. 9+983.

“La scelta di eseguire le lavorazioni in notturna è stata operata allo scopo di garantire la percorrenza di questa importante arteria di collegamento nelle ore diurne e di minimizzare ogni possibile disagio e interferenza con il normale deflusso dei traffico nei momenti della giornata a più alta densità di transito” spiega il presidente della Provincia Sergio Fabiani

“Ricordo – sottolinea il Presidente – che tutte le operazioni sono state concordate e pianificate tra il Servizio Viabilità della Provincia, l’Ufficio Tecnico del Comune di San Benedetto del Tronto, e l’Anas ed in sinergia istituzionale con la Regione Marche. Ringrazio tutti i dipendenti della Provincia che si sono impegnati per agevolare la rapidità di un intervento di manutenzione complesso e coordinato che, una volta ultimato, migliorerà la sicurezza e fruibilità della struttura al servizio del territorio”.

Le lavorazioni saranno eseguite per fasi. Si comincia lunedì in V.le dello Sport con la chiusura dell’asse principale dalla rotatoria SS l6 allo svincolo via Scarlatti. Il traffico sarà funzionante Direzione Nord/sud da svincolo Via Pasubio a svincolo Via Scarlatti.

Successivamente toccherà a Via Mare con chiusura del viadotto dallo svincolo da Via Mare fino a svincolo Via Scarlatti con traffico funzionante da Via Scarlatti a rotatoria SS 16 (Direzione Nord), da rotatoria SS l6 a svincolo Via Scarlatti (Direzione Sud) e da svincolo Via Mare a svincolo Via Pasubio (Direzione Nord/Sud).

L’ultimo tratto interessato dalla chiusura sarà la zona di Via Pasubio con traffico funzionante da svincolo depuratore a SS l6 (Direzione Nord) e da rotatoria SS l6 a svincolo Sentina (Direzione Sud).

 




Al via i lavori sul viadotto S.p. 227 Raccordo Ascoli Mare – Porto d’Ascoli

Manutenzione straordinaria per aumentare sicurezza e fruibilità

Nella fase due dell’emergenza covid l’Amministrazione Provinciale accelera la ripresa dei cantieri sulle infrastrutture di competenza. Questa settimana sono stati consegnati alla ditta incaricata i lavori per la manutenzione straordinaria di alcune campate del viadotto e del piano viabile della S.P. 227 Raccordo Ascoli Mare-Porto d’Ascoli. Si è già provveduto a posizionare la segnaletica ed entro pochi giorni cominceranno gli interventi.

L’opera è stata oggetto di verifiche lo scorso anno da parte di società specializzata che hanno rilevato che il viadotto non presenta difetti tali da pregiudicarne la sicurezza statica, ma sono necessari lavori di risanamento o di riparazione degli elementi ammalorati in cemento armato. Saranno realizzati proprio quest’ultimi migliorando sicurezza e fruibilità della struttura. Verrà inoltre effettuata la sostituzione alcuni giunti di sottopavimentazione presenti per garantire il corretto smaltimento delle acque meteoriche di piattaforma.

Sergio Fabiani

I lavori che verranno eseguiti su questa arteria fondamentale per la mobilitaspiega il presidente della Provincia Sergio Fabiani- rientrano nell’ambito del “Finanziamento degli interventi relativi a programmi straordinari di manutenzione della rete viaria di Province e Città Metropolitane” con fondi del Ministero delle Infrastrutture (MIT) per circa 800 mila euro. I tempi contrattuali previsti per l’esecuzione dei lavori sono di 125 giorni”

Per garantire la sicurezza dei lavoratori e il normale svolgimento della viabilità le lavorazioni verranno svolte, dove possibile, con l’instaurazione del senso unico alternato con messa in opera di impianto semaforico durante la fase delle lavorazioni di ripristino copriferro e, in regime di strada chiusa, durante la fase della sostituzione dei giunti asse principale. Sarà comunque individuata una viabilità alternativa che, deviando il traffico su strade limitrofe, fungerà da bypass ai tratti oggetto di intervento.

Tutte le operazioni sono state concordate tra il Servizio Viabilità della Provincia, l’Ufficio Tecnico del Comune di San Benedetto del Tronto, la Regione Marche e l’Anas in stretta e proficua sinergia istituzionale ed operativa per minimizzare ogni possibile disagio ed agevolare la rapidità dell’interventosottolinea il Presidente Fabiani la popolazione sarà avvertita per tempo e saranno predisposte specifiche ordinanze”.




Consiglio Provinciale in videoconferenza per l’emergenza covid

Isabella Bosano nuova consigliera provinciale

Ascoli Piceno, 2020-05-27 – Il Consiglio Provinciale si è riunito ieri in via telematica e la seduta trasmessa in diretta su youtube a cura del Servizio informatico dell’Ente. “Si tratta una modalità per tutelare la sicurezza e la salute – ha dichiarato il Presidente Sergio Fabiani aprendo i lavori con l’assistenza del Segretario Generale avv. Edoardo Antuono – auspico che presto toneremo a riunirci nell’aula di Palazzo San Filippo. In questa emergenza Covid la Provincia ha sempre assolto i suoi compiti istituzionali ed è stata pienamente operativa. Ricordo che fin dall’inizio della crisi l’Ente ha approntato misure di prevenzione. È stata attuata una capillare opera di sanificazione delle sedi, attivato lo smart working e adottati protocolli igienico-sanitari con l’utilizzo di mascherine e dispenser per igienizzanti. Rinnovo, come Presidente di Provincia e come Sindaco, il ringraziamento ai dirigenti, alla Polizia Provinciale e a tutto il personale dell’Ente, al Prefetto, alla Regione, ai colleghi Sindaci, agli operatori sanitari, alle forze dell’ordine, alla Capitaneria di Porto, ai Vigili del Fuoco, alla Protezione Civile, che hanno profuso un impegno straordinario”.

Tra i punti all’ordine del giorno dell’assise la surroga del consigliere provinciale Roberto De Angelis. L’atto si è reso necessario a seguito delle sue dimissioni, con tutto il gruppo di maggioranza, del Comune di Cossignano. Gli è subentrata come consigliera Isabella Bosano, prima dei non eletti nelle ultime elezioni provinciali di secondo grado, la cui nomina è stata ratificata con voto unanime dal consiglio provinciale. Laureata in Giurisprudenza, avvocato, con l’Amministrazione Lucciarini negli anni 2014-2019 ha svolto il ruolo di Vice Sindaco e, attualmente, ricopre la carica di Assessore alle Strategie Culturali e alle Fragilità Sociali del Comune di Offida.

De Angelis, per il tramite del Presidente Fabiani, ha voluto ringraziare tutte quelle amministratrici ed amministratori dei comuni della provincia di Ascoli Piceno i quali, nella veste di elettori, hanno riposto fiducia nella sua persona. Ha salutato e ringraziato tutti gli amministratori, i segretari generali e i dipendenti provinciali che ha conosciuto in questo “cammino impervio e irto di ostacoli”. Ha inoltre rivolto i saluti a tutti i componenti dell’Assemblea dei Sindaci, fiducioso che la neo consigliera Bosano, saprà interpretare al meglio la missione istituzionale che la attende insieme al Presidente e all’intero Consiglio provinciale. Nella missiva – letta dal Presidente della Provincia – De Angelis ha infine ribadito l’auspicio “di una cancellazione della legge Delrio con la rivisitazione organica del Testo Unico degli Enti Locali, il rilancio degli investimenti attraverso un piano delle piccole opere delle Province e nuove risorse umane”

Il Presidente Fabiani da parte sua ha espresso il proprio apprezzamento per il consigliere De Angelis che “fin dal suo insediamento nell’ottobre 2014, grazie al bagaglio esperienziale di amministratore pubblico locale, non ha fatto mancare il suo apporto costruttivo nell’interesse dell’Ente e della comunità provinciale” e augurato buon lavoro alla nuova consigliera provinciale.

Ringrazio tutti per me inizia un nuovo percorso – ha dichiarato la neo consigliera Bosano – la Provincia è un ente intermedio che gestisce servizi fondamentali quali la viabilità l’edilizia scolastica, l’ambiente oltre a svolgere altre funzioni essenziali e con tanta determinazione porterò avanti questo impegno con la volontà di collaborare con il Presidente e tutti i consiglieri mettendomi a disposizione del territorio”.

Il consiglio ha poi proceduto all’esame ed approvazione dei successivi argomenti posti in agenda tra i quali: l’approvazione dei verbali delle sedute precedenti, l’integrazione del piano di alienazioni di reliquati stradali di proprietà provinciale e l’aggiornamento dello schema di convenzione per la gestione del servizio di tesoreria della Provincia.




Intervento di Sergio Fabiani sul 25 aprile

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO
medaglia d’oro al Valor Militare per Attività Partigiana

In questa ricorrenza così significativa per la nazione e per il nostro territorio sento l’esigenza, come Presidente di una Provincia insignita di medaglia d’oro al valor miliare per attività partigiana, di esprimere alcune riflessioni. E’ un 25 aprile particolare che non ha eguali nella storia di questo paese dal dopoguerra. In queste terribili settimane l’Italia ha mostrato solidarietà ed eroismo esercitando una sorta di “nuova resistenza” ovunque: nei lutti subiti senza poter stare vicini ai propri cari, nelle corsie degli ospedali, nel peso di dover riorganizzare vite e abitudini di sempre.

Ognuno di noi, chiuso in casa, ha potuto apprezzare quanto sia preziosa la libertà in tutti i suoi aspetti. La liberta di muoversi, di lavorare, di andare a scuola, di circolare, incontrarsi. E oggi, giorno della Liberazione, dovremmo più che mai essere uniti ed esibire, con ancora più orgoglio civico, consapevolezza ed amore patrio il Tricolore. Farlo sventolare alto sugli edifici istituzionali, le nostre case, i luoghi di aggregazione per onorare la memoria di quanti sacrificarono la vita per affermare gli ideali di democrazia e libertà, rendere omaggio a quei 278 giovani caduti nel Piceno.

Qualcuno ha invitato a riporre, proprio in questo giorno, la bandiera vessillo di liberta nei cassetti. Un intervento fuori luogo e davvero incomprensibile, da cui invito tutti a prendere doverosamente le distanze. Nel momento dell’emergenza straordinaria covid, occorre mettere da parte le polemiche sterili, le divisioni, le contrapposizioni strumentali ed invece essere tutti uniti. E’ prioritario lavorare insieme, con un impegno ancora più forte e generoso, per superare le difficoltà e dare il nostro apporto responsabile come istituzioni e cittadini.

Il mio auspicio è che questo data, così preziosa per la storia e la coscienza dell’Italia, sia occasione per recuperare quello spirito costituente che seppe unire anime politiche differenti, ad di la della appartenenze, intorno ad uno straordinario percorso di rinascita e ricostruzione del paese e dell’Europa. La ricorrenza di oggi sia dunque un nuovo punto di partenza anche per affrontare le enormi sfide che attendono il nostro territorio nell’obiettivo del bene comune.

Sergio Fabiani




dal Piceno

Bracconaggio cinghiali

Brillante operazione della Polizia Provinciale

La Polizia Provinciale di Ascoli Piceno, con una brillante operazione, ha posto fine ad una importante attività di bracconaggio notturno di caccia al cinghiale.

I soggetti coinvolti si erano organizzati da tempo percorrendo armati a bordo delle loro autovetture, in orario notturno, le strade interne prossime al Monte dell’Ascensione, allo scopo di intercettare ed abbattere i numerosi cinghiali che popolano l’area.

Gli agenti della Polizia Provinciale, ai quali l’illecita condotta era stata segnalata da cacciatori che esercitano attività venatoria in piena legalità, dopo accurate indagini avevano predisposto servizi di pattugliamento notturno mirati riuscendo ad individuare i bracconieri, tutti denunciati alla competente Autorità Giudiziaria per diversi reati.

L’ingente presenza di cinghiali sul territorio da diversi anni fa registrare, oltre ad un certo allarme sociale per l’impatto sulle attività umane, anche un notevole interesse venatorio, che non sempre si indirizza per le vie legali ad opera di bracconieri creando varie problematiche, tra cui quella di tipo sanitario. In particolare, desta timore il fatto che le carni di cinghiale approvvigionate illegalmente e quindi, non sottoposte alle prescritte ispezioni sanitarie, possano essere utilizzate per la produzione domestica di insaccati destinati all’autoconsumo o, peggio, alla vendita clandestina. In tali casi, è bene ricordarlo, sussiste infatti il rischio di contrare parassiti, tra i quali la Trichinella, che anche nell’uomo può sviluppare patologie insidiose.

Questa ulteriore operazione messa a segno dalla Polizia Provinciale dimostra l’impegno dell’Amministrazione Provinciale contro il fenomeno del bracconaggio che costituisce un pericolo per la salvaguardia dell’equilibrio ambientale. L’azione antibracconaggio si accompagna al contrasto della proliferazione di cinghiali sul territorio che arreca danni e disagi alla collettività e alle attività agricole. In questa prospettiva la Provincia, nell’ossequio della normativa vigente, proseguirà con le attività di selecontrollo avvalendosi della collaborazione dei soggetti regolarmente autorizzati coniugando tutela dell’ambiente, legalità e incolumità pubblica.

Cosap, la Provincia proroga i termini al 15 febbraio 2020
20-01-2020

Provvedimento per i residenti del cratere sismico

L’Amministrazione Provinciale comunica che, per i residenti nei comuni rientranti nel cratere sismico 2016, la scadenza per il versamento Cosap relativo all’annualità 2019, è stata prorogata al 15 febbraio 2020. Gli uffici preposti della Provincia rimangono a completa disposizione degli utenti per qualsiasi chiarimento o supporto all’adempimento. Si invitano i cittadini a comunicare ogni eventuale variazione riguardante l’intestazione delle concessioni.

In particolare, con riferimento a questioni di natura tecnica o variazioni di intestazione, è possibile rivolgersi all’Ufficio Concessioni Stradali presso il Servizio Viabilità – Viale delle Repubblica, 34 – Ascoli Piceno nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 16 alle 17 (tel. 0736/277646 – 0736/277601 – 0736/277673).

Per informazioni relative al pagamento del canone, è invece possibile recarsi o contattare l’Ufficio Entrate presso il Servizio Economico Finanziario – Piazza Simonetti, 36 – Ascoli Piceno, tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle 13 (tel. 0736/277242 – 0736/277264).




Al via lavori per 4 milioni di euro sulle strade provinciali “Castignanese” e “San Rustico”

Gli interventi finanziati con i fondi del terremoto

Castignano – Ripatransone – Alla presenza dei Sindaci di Castignano e Ripatransone e dei funzionari della Provincia l’Anas ha consegnato alla ditta appaltatrice l’esecuzione dei lavori sulle strade provinciali, n. 17 “Castignanese” nel Comune di Castignano e n. 126 “San Rustico” nel Comune di Ripatransone. Si tratta di due importanti interventi, dell’importo complessivo di oltre 4 milioni di euro e aventi durata complessiva di 120 giorni, volti al ripristino delle condizioni di sicurezza dopo gli eventi sismici del 2016.

Il Presidente della Provincia Sergio Fabiani ha espresso particolare soddisfazione per l’inizio di questi ulteriori lavori che si andranno a realizzare su due importanti arterie provinciali e, nel ringraziare ancora una volta l’ottimo lavoro svolto dall’Anas in questi anni, ha sottolineato “l’importanza che rivestono questi interventi per il territorio e per gli utenti stradali in termini di maggiore sicurezza e percorribilità”.

In particolare, lungo la “Castignanese”, è previsto il risanamento di un tratto stradale di circa 200 metri tra l’agriturismo “Fiorenire” e il bivio per la strada provinciale n. 15 Castel di Lama. Verrà consolidata la sede stradale con la costruzione di una palificata, sistemate le scarpate mediante l’utilizzo di muri in terra rinforzata e ripristinato completamente il manto stradale interessato dai lavori.

Per quanto riguarda la “San Rustico” è in programma, anche in questo caso, il rifacimento di un tratto di circa 200 m, posto nei pressi del centro abitato mediante la realizzazione di una palificata, la sistemazione delle scarpate con barriere paramassi e pannelli in rete metallica. Inoltre, sull’intero tratto verrà ripristinato completamente il manto stradale.

Per entrambi i lavori sarà necessario chiudere al traffico le porzioni stradali interessate: in particolare sulla “San Rustico” il tratto verrà chiuso integralmente poiché le opere riguardano l’intera carreggiata mentre, per il tratto della “Castignanese”, si prevede inizialmente il transito a senso unico alternato regolato con impianto semaforico per poi procedere ad una chiusura integrale quando i lavori interesseranno l’intera carreggiata.

Nel corso della consegna dei lavori sono stati concordati con le rispettive amministrazioni comunali i tempi e i modi delle lavorazioni, con particolare riguardo alla chiusura dei tratti interessati che dovrà avvenire ponendo la giusta attenzione all’informazione da dare alla cittadinanza, che sarà preventivamente avvisata mediante opportune segnalazioni e indicazioni sulla viabilità alternativa da utilizzare.