Austria, Steyr: una cena di solidarietà per Offida

Offida – Nello scorso fine settimana si è tenuta una festa in onore di Offida a Steyr. Grazie alla Cooperativa Oikos – che ha sensibilizzato l’amministrazione locale rendendo possibile l’iniziativa – nella città austriaca si è tenuto un evento solidale nei confronti della Città del Sorriso. Oltre a manifestare la solidarietà nei confronti del comune piceno che per le calamità sismiche, a Steyr sono state sottolineate anche le bellezza e le peculiarità di Offida. Il Comune dell’Alta Austria, amministrato dal Sindaco Gerard Hackt, ha voluto dare il proprio sostegno ospitando la delegazione presieduta dal Sindaco Valerio Lucciarini, e ha promosso una cena di solidarietà, a cui hanno partecipato tante persone, per raccogliere fondi. Il ricavato, consegnato al Comune di Offida, sarà utilizzato per qualificare e rilanciare le strutture museali che, a causa dei danni riportati, sono state inserite, come patrimonio, nella ricostruzione post-sisma.




Una delegazione di Steyr visita il Piceno

 

Rinnovato il gemellaggio con la municipalità austriaca da oltre 20 anni amica di San Benedetto

 

San Benedetto del Tronto, 27-05-2016 – Per due giorni una delegazione di 20 persone e 14 studenti provenienti da Steyr, città austriaca gemellata da oltre vent’anni con San Benedetto, sarà in città accompagnata da Ute Wiesmayr, storica referente degli scambi con San Benedetto. Il tour durerà due giorni e porterà i visitatori a conoscere le città caratteristiche dell’entroterra piceno.

 

Nella mattinata di oggi venerdì 27 maggio, la delegazione istituzionale composta anche dal sindaco della cittadina austriaca Gerald Hackl e dai consiglieri Uwe Pichler, Arno Thummerer, Michaela French, Kurt Prack, ha visitato Palazzo Piacentini e la Torre dei Gualtieri al Paese Alto.

Nel pomeriggio sarà ricevuta dal Sindaco in Municipio dove ci sarà il rinnovo del gemellaggio tra le due Municipalità con il consueto scambio di doni. Successivamente il gruppo partirà alla volta di Montedinove dove, oltre a visitare il paese noto per la mela rosa dei Monti Sibillini, potrà degustare le prelibatezze enogastronomiche del Piceno in una cantina della zona e incontrare l’Amministrazione comunale.

 

Nel corso della giornata di domani, sabato 28 maggio, gli austriaci saranno ad Ascoli per una visita alla città delle “cento torri”. La conclusione dell’esperienza sarà nuovamente in città con una cena a base di pesce dell’Adriatico.




La visita a Mauthausen conclude il viaggio di istruzione in Austria

Gli studenti degli istituti superiori cittadini hanno rinnovato il gemellaggio con la città di Steyr

 

 

San Benedetto del Tronto, 26-04-2016 – Con la visita al campo di concentramento di Mauthausen, si concluderà oggi, martedì 26 aprile, il viaggio d’istruzione in Austria degli studenti degli Istituti scolastici superiori cittadini promosso dall’Amministrazione comunale nell’ambito delle celebrazioni per il 25 aprile e delle iniziative per il gemellaggio con Steyr.

 

Nella giornata di domenica 24 aprile, gli ottanta studenti dei Licei Classico “Leopardi” e Scientifico “Rosetti”, dell’IPSAAR “Buscemi” e del commerciale “Capriotti”, accompagnati dai docenti e da una delegazione del Comune, hanno visitato le città di Vienna.

Lunedì 25 aprile la delegazione sambenedettese è stata ricevuta nel Municipio della città gemellata di Steyr. Accompagnati da Ute Wiesmayr, storica promotrice del gemellaggio tra le due municipalità, gli studenti sono stati accolti dal sindaco Gerald Hackl che ha ricordato l’importanza dell’amicizia tra le due Municipalità auspicando ancora tanti anni di visite reciproche, soprattutto tra i giovani. Poi i ragazzi si sono divisi in quattro gruppi ed hanno fatto visita ad altrettante scuole della città. Nel pomeriggio, invece, si è tenuta la visita guidata della città di Steyr.

 

Infine, nella mattinata di martedì 26 aprile gli studenti hanno visitato il campo di concentramento di Mauthausen. Una guida di lingua italiana li ha accompagnati nella visita di tre delle diciotto baracche dove venivano tenuti prigionieri gli ebrei.

 

Hanno visto il muro, detto dei lamenti, dove i deportati appena arrivati al campo attendevano quale sarebbe stato il loro destino. Hanno visto il forno crematorio e la camera a gas, la scala della morte e il Museo che è stato aperto all’interno del campo con i nomi degli 80.000 morti attualmente identificati con uno spazio bianco per i 20.000 ancora ignoti.

 

La giornata prevede anche una visita al castello di St. Florian con la visita guidata alla biblioteca del monastero, una delle più importanti biblioteche d’Europa che ha anche ispirato le scenografie del cartone animato “La Bella e la Bestia”. Il gruppo rientrerà in Italia nella giornata di domani mercoledì 27 aprile.




San Benedetto – Steyr, rinnovato il gemellaggio tra le città

Tanta emozione per gli studenti sambenedettesi durante la visita al campo di concentramento di Mauthausen

 

San Benedetto del Tronto – E’ terminato ieri, giovedì 29 aprile, il viaggio d’istruzione in Austria degli studenti degli Istituti scolastici superiori cittadini promosso dall’Amministrazione comunale nell’ambito delle celebrazioni per il 25 aprile e delle iniziative per il gemellaggio con Steyr.

 

Nelle giornate di sabato 25 e domenica 26 aprile i sessanta studenti dei Licei Classico “Leopardi” e Scientifico “Rosetti”, dell’IPSAAR “Buscemi” e del commerciale “Capriotti”, accompagnati dai docenti e da una delegazione del Comune, hanno visitato le città di Steyr, Salisburgo e Vienna.

 

Prima tappa, il 27 aprile, nella città gemellata di Steyr: accompagnati da Ute Wiesmayr, storica promotrice del gemellaggio tra le due municipalità, gli studenti sono stati accolti in Municipio dal Sindaco Gerald Hackl che ha ricordato l’importanza di tale amicizia auspicando ancora tanti anni di visite reciproche, soprattutto tra i giovani. Infine è stato mostrato un video su Steyr e offerto un piccolo rinfresco.

Poi i ragazzi si sono divisi in quattro gruppi ed hanno fatto visita ad altrettante scuole della città. I ragazzi del Classico ha fatto visita al Bundesgymnasium, dove gli studenti sono stati coinvolti in attività scolastiche con i loro coetanei. Quelli dello Scientifico hanno fatto visita al Bundesrealgymnasium, una scuola che raccoglie ragazzi di un’età compresa tra i dieci ed i diciotto anni, visitando l’istituto accompagnati dal preside Harald Gebeshuber.

 

Gli studenti dell’Istituto linguistico e dell’Istituto alberghiero si sono recati nella sede dell’Hak, una struttura scolastica che comprende l’Istituto commerciale e l’alberghiero. Le studentesse del linguistico, accompagnate dall’insegnante Katharina Ulrich, hanno visitato l’istituto Commerciale, mentre quelli dell’alberghiero hanno potuto incontrare i loro colleghi austriaci con la guida delle insegnanti Elisabeth Pollak e Manuela Kastner. I ragazzi sono rimasti molto colpiti dalle strutture e i mezzi, dalla disponibilità degli insegnanti e dalla cordialità degli studenti austriaci.

 

Nella mattinata di martedì 28 aprile gli studenti hanno concluso il loro viaggio d’istruzione al campo di concentramento di Mauthausen. Una guida di lingua italiana li ha accompagnati lungo la strada che percorrevano i deportati che arrivavano al campo, per arrivare poi alla cava dove lavoravano, alla piazza dell’appello, alle baracche di legno. Grande il coinvolgimento emotivo degli studenti che hanno seguito in un silenzio partecipato tutto il percorso.

 

Hanno visto il muro, detto del pianto, dove i deportati appena arrivati al campo attendevano, in piedi, immobili e per un tempo indefinito, quale sarebbe stato il loro destino. Hanno visto l’enorme stanza delle docce, da cui uscivano getti di acqua, bollente o gelata, senza alcun preavviso. Hanno visto il forno crematorio e la camera a gas passando per la “stanza dei nomi”, dove sono riportate le generalità di una parte di coloro che sono morti a Mauthausen.




Visita della delegazione di San Benedetto a Steyr

Si rinnova, con l’incontro tra i due Sindaci, il rapporto di amicizia tra Steyr e San Benedetto del Tronto.

 

San Benedetto del Tronto, 2014-10-15 – Il borgomastro della città dell’Austria alta ha ospitato la delegazione sambenedettese composta dal sindaco Giovanni Gaspari, dalle dirigenti al Turismo Cultura e Sport Renata Brancadori e Gestione delle Risorse Catia Talamonti e da Mauro Alfonsi dell’Ufficio Turismo. Il comitato di accoglienza austriaco era composto, oltre che dal sindaco Gerald Hackl, dalla dirigente scolastica e responsabile del comitato gemellaggi di Steyr Ute Wiesmayr e dalla direttrice dell’Ufficio Turismo Eva Poetzl.

Si è parlato, tra le altre cose, di nuovi programmi e scambi da attuare per dare seguito a un rapporto già consolidato nel corso di quasi 20 anni.

L’attenzione è rivolta sopratutto alle nuove generazioni: si sono infatti gettate le basi per un progetto ideato unitamente dai sindaci e che richiederà il coinvolgimento degli istituti scolastici delle due città in occasione del centenario della prima guerra mondiale.

L’idea è quella di far incontrare i ragazzi austriaci e italiani nei luoghi delle Alpi che furono teatro di cruenti scontri proprio vedendo in trincea tanti giovanissimi, con un enorme sacrificio in termini di vite umane.

I rispettivi uffici si metteranno subito a lavoro, per questo e tanti altri progetti, sia in campo sportivo e culturale.

Nella mattinata la delegazione sambenedettese ha poi fatto visita all’istituto tecnico commerciale di Steyr incontrando una delle classi che seguono corsi di lingua italiana.

un momento della visita a Steyr

un momento della visita a Steyr




Studenti austriaci ricevuti in Municipio

 

Il gruppo proveniente da Steyr a San Benedetto per un gemellaggio culturale con gli studenti del “Capriotti” 

 

San Benedetto del Tronto, 24-09-2014 – Questa mattina, mercoledì 24 settembre, il sindaco Giovanni Gaspari ha ricevuto in Municipio un gruppo di nove studenti austriaci accompagnati dai docenti provenienti dalla cittadina di Steyr, gemellata con San Benedetto del Tronto.

 

Gli studenti frequentanti il corso Relazioni Internazionali per il Marketing dell’istituto commerciale di Steyr sono a San Benedetto per uno scambio culturale con i loro omologhi frequentanti l’Istituto d’Istruzione Superiore “Augusto Capriotti”. In seguito gli studenti sambenedettesi del terzo anno del “Capriotti” si recheranno in Austria.

 

La scuola, come ha ricordato la dirigente Elisa Vita presente all’incontro, ha all’attivo quattordici scambi culturali ma quello con la scuola austriaca di Steyr è il più longevo.

 

“Siamo estremamente felici della vostra visita – ha affermato Gaspari – San Benedetto del Tronto e Steyr da molti anni coltivano un rapporto di amicizia, non solo attraverso il gemellaggio tra le due Municipalità, ma anche grazie all’impegno e all’interesse dei rispettivi istituti scolastici che avvicinano generazioni di ragazzi. Nonostante oggi la Comunità Europea incentivi forme di scambi culturali diverse dal gemellaggio – ha concluso il Sindaco – sono certo che San Benedetto rafforzerà le relazioni e l’amicizia con Steyr anche nei prossimi anni”.