Percorsi d’Autore. Marcello Sgattoni ci parla delle sue grandi ‘cose’: ‘ …e la pietra gridò’

Percorsi d’Autore. Marcello Sgattoni ci parla delle sue grandi ‘cose’: ‘ …e la pietra gridò’

2023-10-18 – “Se non direte la verità grideranno le pietre”

Marcello Sgattoni ci parla delle sue grandi ‘cose’
4) ‘ …e la pietra gridò’: 2001, dedicato al generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. Opera davanti al ex Palazzo di Giustizia

Il monumento dedicato al gen. Carlo Alberto Dalla Chiesa, realizzato per il Comune dall’artista Marcello Sgattoni, è collocato nella piazza, anch’essa intitolata al generale assassinato dalla mafia nel 1982, su cui si affaccia l’ex Palazzo di Giustizia, ora sede della Scuola secondaria di primo grado “M. Curzi”.
Alta 2 metri, larga 2,85 per un peso complessivo di 13,5 quintali, l’opera raffigura la fiamma simbolo dell’Arma.
La figura è composta da un anima in acciaio ricoperta di bronzo fuso sulla quale si innestano ben 600 pietre di fiume, scelte una per una da Sgattoni che poi le ha tagliate per dare loro la forma di bocche gridanti. “… e la pietra gridò” è infatti il titolo dato dall’artista che si è ispirato ad una frase del Vangelo di Luca: “Se non direte la verità grideranno le pietre”.
Quella verità, ma anche quel bisogno di libertà e di giustizia, in nome delle quali Dalla Chiesa ha dato la sua vita.

 

 

 

San Benedetto del Tronto – Venerdì 8 settembre Pietro mia chiama:
“Vogliamo fare un’intervista al caro Marcello davanti a ognuna delle sue sculture sparse per la città? Così, perché sarebbe bello sentire commentare e descrivere ciò che lui stesso ha pensato, creato e realizzato. Ne ha seminate diverse nel corso della sua lunga carriera. Sentilo e decidi con lui dove e quando”.
Rispondo che è una bellissima idea e 
spero che Marcello la faccia sua.
“France’, va bene… Quando iniziamo? Anche lunedì (11) alle tre e mezza? Facciamo all’imbocco del molo sud e iniziamo dal mio scoglio scolpito nella prima edizione di Scultura Viva ( Marcello Sgattoni, ‘A Guardia del Porto’ 23 – 30 giu 1996), proseguiamo sempre lì, sul molo. Poi vediamo”, risponde Marcello. – Benissimo! – rispondo io senza pensarci due volte.
Ed eccoci qui, con i modesti mezzi della troupe mascalzona, che ci incontriamo con il Maestro, d’arte e di vita, Marcello Sgattoni, per intraprendere dei nuovi “percorsi d’autore”: un viaggio nei pensieri e nelle emozioni che l’autore attraversa nel realizzare, o nel rivedere le sue stesse cose, cogliendone noi, ancora meglio, il loro significato e senso nell’appurata finitezza di ogni illusoria realtà.
Un altra caratteristica che colpisce di Marcello è quella che lui chiama “cosa” ciò che noi chiamiamo “opera”. Perché nella sua scala dei valori, queste sue “cose” vengono dopo mille altre: le vere e proprie opere, quelle del Creato. Qui, ritengo, stia la sua grandezza.

Francesco Del Zompo

 

 

1)  ‘A guardia del porto’: l’opera rappresenta una mamma con un bambino che, in attesa del ritorno del padre dalla pesca, si pongono a guardia del porto, fonte di vita per i pescatori        – 1996;
2)  ‘Fonte della Vita’: fontana realizzata in cemento e sassi dallo scultore Marcello Sgattoni; rappresenta una donna dai cui seni sgorga l’acqua – 2009;
3)  ‘Fonte Amara’: … 2002
3a)
4) ‘ …e la pietra gridò‘: dedicato al generale Carlo Alberto Dalla Chiesa
5) ‘Stemma Carabinieri’: 2007, Stemma dell’Arma benemerita realizzato sul Lungomare di San Benedetto del Tronto davanti all’ingresso della concessione Lido del Carabiniere
6) ‘Casa del vento’

 

 

Percorsi d’Autore. Marcello Sgattoni ci parla delle sue grandi ‘cose’: ‘Stemma Carabinieri’

 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com