Il femminile sacro nell’antichità

Il femminile sacro nell’antichità

Si concludono gli incontri di storia antica a Cossignano

Cossignano – Nel ciclo degli appuntamenti di storia e cultura antica, organizzato durante la stagione estiva dal Comune di Cossignano, non poteva mancare un capitolo dedicato al mondo religioso e all’immaginario sacro delle popolazioni italiche e del mondo classico. E con questo tema, trattato dalla dott.ssa Tiziana Capriotti, si concluderà il ciclo venerdì sera 25 agosto alle ore 21.15 presso la Chiesa dell’Annunziata, nel cuore del centro storico cossignanese, che è anche la sede dell’antiquarium “Niccola Pansoni”, custode di interessanti reperti di età picena provenienti dal territorio.

La studiosa proporrà un viaggio attraverso le testimonianze archeologiche e le fonti antiche relative alle pratiche religiose delle popolazioni preclassiche e del mondo greco/romano, nel tentativo di ricostruire un quadro delle strutture filosofiche e sacre di uomini tanto distanti da noi ma di cui siamo culturalmente figli.

Le così dette “Veneri paleolitiche”, Astarte, Afrodite, Fortuna, senza dimenticare la nostra dea Cupra, sono solo alcune delle figure sacre e dei riti ad esse dedicati che verranno analizzate nel corso dell’incontro e che permetteranno di comprendere il ruolo dell’elemento femminile nelle religioni antiche.

A seguire sarà possibile visitare l’antiquarium Pansoni con la dott.ssa Capriotti impegnata in un inedito progetto di valorizzazione scientifica e di promozione dello stesso, progetto che ha fatto registrare significative presenze a Cossignano nelle domeniche di luglio e di agosto per l’appuntamento “Domenica con l’archeologo” che dà la possibilità di visitare l’antiquarium approfittando degli approfondimenti dell’archeologo.

Domenica 27 agosto ultimo appuntamento della stagione con l’archeologo, alle ore 18.00 e alle ore 19.00 presso la Chiesa dell’Annunziata.

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com