Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 20:40 di Mer 21 Ott 2020

Cna, sostegno a Famiglie e Imprese

di | in: Cronaca e Attualità

CNA – BALLONI

image_pdfimage_print

SOSTEGNO A FAMIGLIE E IMPRESE NELL’EMERGENZA, I DATI ELABORATI IN TEMPO REALE DALLA CNA DI ASCOLI: NEL PICENO GIA’ OLTRE 22MILA LE RICHIESTE ALLE BANCHE FATTE DA IMPRESE, LIBERI PROFESSIONISTI E FAMIGLIE. FRA LE PRINCIPALI MOTIVAZIONI DELLA RICHIESTA DI SOSTEGNO: MORATORIA PRESTI E RATE MUTUO E SOSPENSIONI MUTUO PRIMA CASA

BALLONI (DIRETTORE CNA ASCOLI PICENO): “CNA PICENA E SISTEMA CONFIDI UNICO GIA’ AL LAVORO, CON I NOSTRI UFFICI E I NOSTRI CONSULENTI, PER INDIVIDUARE LE LINEE DI SOSTEGNO PIU’ ADEGUATE ALLE IMPRESE PIU’ PICCOLE E MAGGIORMENTE COLPITE DALL’EMERGENZA. MA SARA’ VITALE IL PIANO GRADUALE, E IN SICUREZZA, DI RIPARTENZA E L’EROGAZIONE IN TEMPI BREVISSIMI DEI RISARCIMENTI PER IL MANCATO FATTURATO DI QUESTI MESI”

Credito a imprese e famiglie per l’emergenza Coronavirus. La Cna di Ascoli ha elaborato, in base alle prime info della Banca d’Italia, i dati relativi al Piceno in questa prima fase emergenziale di sostegno alla liquidità decisa dal Governo con l’ultimo decreto emanato.

Nella provincia Picena sono state 14.421 (437.000 in tutta Italia) le richieste di finanziamento inviate dalle imprese, e accolte dalle banche, per complessivi 1,740 miliardi di Euro (58 miliardi in tutta Italia). Le richieste di sostegno da parte di famiglie e professionisti sono state invece 7.491 (227.000 in tutta Italia) per un importo complessivo, sempre nel Piceno, di 510 milioni di Euro (17 miliardi in tutta Italia). Le richieste percentualmente più rilevanti: moratoria su prestiti e rate di mutuo, sospensioni del mutuo prima casa e dilazione dei prestiti non rateali in scadenza prima del 30 settembre 2020.

“Una prima iniezione importante anche se non ancora decisiva per il futuro delle nostre piccole imprese – spiega Francesco Balloni, direttore della Cna di Ascoli Piceno – perché un’altra importantissima parte la giocheranno i meccanismi, sicuri ma operativi appena possibile, di graduale riapertura delle attività e, soprattutto, come è stato per il post sisma, gli indennizzi per il calo di fatturato determinato dall’emergenza sanitaria”. Per la Cna Picena questi indennizzi per mancato fatturato dovranno prendere in considerazione immediatamente il trimestre marzo-maggio, sicuramente critico già nei fatti per le chiusure in atto. E, a seguire, le ripercussioni estive, quindi almeno da giugno a settembre, laddove le auspicate graduali riaperture non potranno sicuramente e da subito riportate i fatturati ai livelli pre Covid19.


Per quanto riguarda le richieste di garanzia per i nuovi finanziamenti bancari per le micro, piccole e medie imprese, Mediocredito Centrale Mcc ha ricevuto 9.972 in tutta Italia richieste di garanzia (per un importo finanziato di oltre 1,6 miliardi), di cui 8.697 ai sensi del DL Cura Italia (per un importo finanziato di quasi 1,5 miliardi). Le domande accolte sono state 8.571 (per un importo finanziato di circa 1,3 miliardi), delle quali 7.451 ai sensi del Dl Cura Italia (per un importo finanziato di quasi 1,2 miliardi). Nel Piceno le richieste di garanzia accolte, ad oggi, sono state 252 con un importo finanziato di circa 430 milioni di Euro. “Il nostro sistema di garanzia – prosegue il direttore Cna, Francesco Balloni – è già attivo e operativo con il confidi Uni.Co per dare il massimo supporto alle imprese, anche con misure che vanno a integrare e completare le azioni di sostegno decise a livello governativo”.

Fra le linee operative attivate dal sistema della Cna Picena e dal Confidi Uni.Co, per un primo sostegno di emergenza ai conti delle imprese e alla loro liquidità:

  1. Per micro, piccole imprese e liberi professionisti. Fino a 50mila Euro di finanziamento chirografario per nuovi acquisti, materiali e immateriali, per il rilancio e la diversificazione dell’attività

  2. Credito a breve termine. Garanzie su linee di credito a breve termine con garanzia del Confidi fino al 90 per cento

  3. Chirografari. Garanzia fino al 90 per cento del Confidi su finanziamenti chirografari con durata massima di 96 mesi

  4. Rinegoziazione e consolidamento. Rinegoziazione dei finanziamenti o consolidamento di passività a breve, sempre con la garanzia al 90 per cento del Confidi e per una durata fino a 96 mesi

IN ALLEGATO LE SCHEDE DI SINTESI DELLE QUATTRO MISURE CITATE:

S.P. UNI.CO. RIPARTIAMO INSIEME FINALITA’ LIQUIDITA’-INVESTIMENTI S.P. UNI.CO. Credito Diretto Legge Regionale 09_04_2020 S.P. UNI.CO. RIPARTIAMO INSIEME – LINEE A BT S.P. UNI.CO. RIPARTIAMO INSIEME FINALITA’ RINEGOZIAZIONE MCC

© 2020, Redazione. All rights reserved.


Sostieni www.ilmascalzone.it
La lettura delle notizie è gratuita ma i contributi sono graditi. Se ci credi utili sostienici con un contributo a tua scelta intestato a Press Too Srl
IBAN: IT07L0847424400000000004582
Banca del Piceno Credito Cooperativo – Filiale San Benedetto del Tronto 2




15 Aprile 2020 alle 10:23 | Scrivi all'autore | | |
Tags:

Argomenti Frequenti


Archivio


My Web TV Marche

• Coronavirus Marche: aggiornamento
• Ritorno al futuro
• dalla Regione Marche


Social

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeVisit Us On Instagram
Ricerca personalizzata