PallaMano, il coach e i blu: binomio inscindibile da oltre due lustri

PallaMano, il coach e i blu: binomio inscindibile da oltre due lustri

MONTEPRANDONE – Se c’è un allenatore che fa rima con continuità, quello è Andrea Vultaggio. Ormai più di un’istituzione a Monteprandone. L’Handball Club ripartirà ancora una volta dal coach di Paceco, provincia di Trapani, ma monteprandonese d’adozione. Alla seconda promozione in Serie A2 ottenuta sul campo e con 11 stagioni alle spalle sulla panchina blu. Quella al via a settembre sarà la dodicesima.

 

Schivo e poco avvezzo ai riflettori, talvolta da sembrare scostante, ma tremendamente determinante in questi due lustri e passa nelle Marche. Vultaggio, 46 anni da compiere ad agosto, ha saputo far sentire la sua impronta sin da subito. Vale per la prima squadra come per il settore giovanile, inclusi i dieci titoli regionali Under 17 (sugli 11 a disposizione). E poi il feeling instaurato con la dirigenza, in testa i fratelli Roberto e Pierpaolo Romandini, rispettivamente presidente e vice. “Andrea ci ha dato tanto e la società ha dato tanto a lui. Ci sentiamo una cosa sola, ormai. E non vediamo l’ora di scrivere altre importanti pagine per la storia della pallamano monteprandonese” sintetizza Pierpaolo Romandini.

La prossima sfida è l’ennesima da vincere per l’HC di Andrea Vultaggio. Un binomio inscindibile

.

© riproduzione riservata