Luminarie ed eventi per il Natale a San Benedetto, la programmazione non è in linea con la spesa pari a 250 mila euro

Luminarie ed eventi per il Natale a San Benedetto, la programmazione non è in linea con la spesa pari a 250 mila euro

San Benedetto del Tronto, 2023-12-18 – Riceviamo e pubblichiamo

 

 

<<Luminarie ed eventi per il Natale a San Benedetto, la programmazione non è in linea con la spesa pari a 250 mila euro

La spesa che i contribuenti sambenedettesi dovranno sostenere per l’allestimento del Natale 2023 stride con l’offerta proposta dall’attuale amministrazione a guida Spazzafumo. Città come Ascoli e Teramo, per fare un confronto con comuni vicini che hanno un numero di abitanti simile al nostro, hanno decisamente mostrato una maggiore capacità organizzativa. In effetti Ascoli brilla di mille luci e saluta la fine dell’ anno calando un poker d’ assi con il famigerato pianista, compositore Dardust , Saturnino, La Rua e The Holograms, Teramo organizza eventi con ospiti del calibro di Elodie, Max Gazzè , Daniele Silvestri e Dj Asco. A San Benedetto, invece, molte zone della città resteranno al buio nel periodo natalizio e con un cartellone che non regge il confronto con quello ascolano e teramano ricco di Big a Capodanno. La scarsità di luminarie per le vie cittadine rischia di compromettere quell’atmosfera natalizia che ha sempre caratterizzato il periodo delle festività di questi mesi dell’anno, a confronto la vicina Cupra sembra Las Vegas. Ci sembrano sacrosante le proteste di quei residenti che da cinquant’anni assistevano alla rituale accensione delle luminarie in viale De Gasperi, oggi invece non pervenute non solo lungo questo viale ma praticamente ovunque. Saranno pure comprensibili le distrazioni di un’amministrazione impegnata a sanare regolamenti di conti interni alla maggioranza, sfiducia di assessori, calendari discutibili e rimpasti di Giunta, piuttosto che restare concentrata sulle cose utili alla città, ma è ingiustificabile che a fronte di una spesa di 250 mila euro circa si debbano riscontrare tante lacune. Si fosse deciso di adottare misure di contenimento dei costi per destinare quelle risorse a voci di spesa dedicate a politiche di sostegno alle famiglie in difficoltà, l’avremmo pure appoggiata come scelta, ma assistere a tanta desolazione a fronte di cifre esorbitanti che non hanno precedenti è oggettivamente sconfortante.
Per non parlare di Porto d’Ascoli che è sta trattata come fosse una periferia sconosciuta e totalmente dimenticata nella programmazione natalizia, manco ci fosse il Grinch all’interno dell’amministrazione.>>

 

FRATELLI D’ITALIA

 

Gruppo consiliare

Andrea Traini

Nicolò Bagalini

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com