Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 11:42 di Mar 21 Ago 2018

dall’UniCam

di | in: Cronaca e Attualità

Kempf

image_pdfimage_print

 

Il Direttore della Biblioteca Nazionale Digitale di Baviera a Camerino

Camerino, 17 maggio 2018 – Nei giorni scorsi l’Università di Camerino ha ospitato il dott. Klaus Kempf, Direttore della Biblioteca Digitale della Biblioteca nazionale di Baviera, una delle più grandi del mondo, nonché Commendatore della Repubblica italiana.

Accompagnato dal prof. Rocco Favale, Direttore della Scuola di Giurisprudenza, il dott. Kempf ha visitato la zona rossa di Camerino, il Palazzo Ducale e la Biblioteca giuridica, ed ha poi incontrato il Rettore Unicam Claudio Pettinari, il Direttore Generale Vincenzo Tedesco, l’Arcivescovo di Camerino-San Severino Marche Mons. Francesco Giovanni Brugnaro e il Sindaco di Camerino Gianluca Pasqui, con i quali ha parlato della possibilità di aiutare la messa in sicurezza del patrimonio librario della Biblioteca giuridica di Unicam e delle altre biblioteche camerti.


UNICAM A CITTA’ DELLA SCIENZA CON UN PROGETTO SU METODOLOGIE INNOVATIVE PER LA DIDATTICA DELLE SCIENZE

Camerino, 17 maggio 2018 – Il prossimo 30 maggio presso Città della Scienza di Napoli sarà presentato il progetto “Remote Educational Gaming: imparare giocando insieme tra paesi diversi. EvoQuest: avventure digitali d’aula”, estensione di un progetto sviluppato nell’ambito del percorso di dottorato di ricerca Unicam sulla didattica delle Scienze denominato “UnicamEarth”, da Sabina Maraffi sotto la supervisione della professoressa Eleonora Paris, docente della sezione di Geologia della Scuola di Scienze e Tecnologie di Unicam.

Gli alunni di un liceo napoletano giocheranno ad un gioco didattico digitale insieme agli alunni di una scuola islandese e agli alunni di Passo di Treia (MC)… restando ognuno nel proprio Paese!

Ogni scuola ha realizzato un’avventura ideata e scritta interamente dai ragazzi, creando il soggetto, lo storytelling, la sceneggiatura, i materiali illustrativi di vario genere, le musiche ad altro.

Ognuna di queste “avventure” verrà condivisa con studenti di altre scuole, di altre città, di altre nazioni, senza che si muovano dal loro banco: potranno sfidarsi giocando allo stesso gioco, collegati via web!

“EvoQuest nasce dopo la positiva esperienza di GeoQuest, un gioco di ruolo d’aula al computer per la Science Education – ha sottolineato la prof.ssa Paris. Il percorso del gioco, creato dai ragazzi stessi, ne aumenta il valore didattico: i gruppi di paesi diversi interagiscono da remoto, conoscono realtà diverse, collaborano; l’uso degli smartphone e del gioco via web costituisce un’attrattiva insuperabile; l’esperienza è facilmente ripetibile ovunque e in qualsiasi momento”.

© 2018, Redazione. All rights reserved.




17 maggio 2018 alle 21:32 | Scrivi all'autore | | |
Tags:

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata