Il Papa convoca i terremotati: presente anche il comune di San Benedetto

Il Papa convoca i terremotati: presente anche il comune di San Benedetto

 

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il 5 gennaio sono partiti all’alba diversi bus organizzati dalla Diocesi di S. Benedetto del Tronto, diretti a Roma, alla Convocazione del Papa in onore delle Popolazioni colpite dal terremoto.

Nel Bus di Sua Eccellenza il Vescovo Bresciani , con il Vicario Don Romualdo, Don Gianni della Caritas c’era anche l’Assessore Antonella Baiocchi, in rappresentanza del Comune di S. Benedetto del Tronto.

Alla convocazione, prevista alle ore 11,00 presso la sala Nervi del Vaticano, una folla interminabile di persone attendeva trepida l’arrivo di Sua Santità: erano presenti i governatori di tutte le Regioni, il commissario straordinario Vasco Errani, il direttore del Dipartimento di Protezione civile e i rappresentati delle Amministrazioni comunali delle quattro regioni colpite dal terremoto.

il gruppo di amministratori presenti alla Convocazione
il gruppo di amministratori presenti alla Convocazione

“Il messaggio del Papa, l’accoglienza che ha riservato alle popolazioni, alle istituzioni dei territori colpiti dal terremoto, è un atto di grandissima vicinanza di incredibile spessore spirituale che ci aiuta a tenere alto lo spirito e il cuore con cui affrontare quello che ci aspetta” afferma l’Assessore Baiocchi ”Ero alla mia prima esperienza di contatto con il Papa ed ho avuto la grazia di potergli parlare qualche minuto: è stata un’esperienza struggente ed indimenticabile, di cui sarò per sempre grata al Sindaco Piunti che mi ha concesso l’opportunità di rappresentarlo e a Sua Eccellenza il Vescovo Bresciani che l’ha realizzata per la nostra Diocesi. Questo Papa ha una capacità inenarrabile di emanare amore ed entrare nei cuori delle persone. La sua forza è nella Semplicità, nel contatto umano libero da sovrastrutture: attraverso lo sguardo diritto agli occhi, il calore della stretta di mano e di un abbraccio e parole semplici e ricche di metafore abbatte le barriere e fa sentire ogni persona veramente accolta e di valore. Ogni persona ed ogni professionista del sociale dovrebbe imparare da Lui questa modalità di porsi verso il prossimo, che io da sempre cerco di attuare nella mia quotidianità di persona e professionista: per arrivare al Cuore e alla Mente del prossimo bisogna porsi con Umiltà e con Semplicità ”.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com