Neve e Sisma

Neve e Sisma

AGGIORNAMENTO 2017-01-21 12:07:07

 

Sono al momento 800 le utenze non ancora riattivate dall’Enel, prevalentemente in provincia di Ascoli Piceno. Una decina le frazioni le cui vie di accesso non sono state ancora completamente liberate e dove sono attualmente al lavoro le turbine. Tutte sono state comunque raggiunte, ma in molte di queste l’elettricità risulta non ancora riattivata. La centrale Soup della Protezione civile regionale ad Ancona sta monitorando questa mattina anche la situazione del pericolo di slavina sulla provinciale per Pozza, nel Comune di Acquasanta Terme, dove il sindaco ha emanato ordinanza di evacuazione. Nel frattempo, poiché il rischio slavina è lungo la strada provinciale, quest’ultima è presidiata dalle forze dell’ordine per impedirvi il traffico. Dal punto della situazione su mezzi e uomini delle colonne mobili effettuato oggi si contano 538 uomini e più di cento mezzi in campo, come turbine, lame, pale, bobcat, fuoristrada, spargisale, frese, autocarri. A questi si aggiungono i mezzi di province e comuni e le attrezzature leggere. Sono anche in corso le verifiche sui fiumi, in particolare sul Nera, monitorato in tempo reale, e al momento non risultano situazioni di rischio legato a esondazioni. I livelli del fiume non hanno variato la loro situazione da un mese a questa parte. Esistono quattro stazioni di controllo? a monte dell’abitato di Visso, fino a Castelsantangelo sul Nera, pertanto ogni intervento di monitoraggio dà la possibilità di preallertare eventualmente i Comuni in tempo utile. Gli altri fiumi di tutta la regione sono tutti sotto controllo da 165 centraline.

IMG-20170121-WA0001

AGGIORNAMENTO 2017-01-21 – 18:47:08

Tutte le frazioni marchigiane sono state raggiunte. Ancora da liberare qualche frazione dell’Ascolano dove comunque sono assicurati l’assistenza sanitaria, i soccorsi e la distribuzione dei generi di prima necessita’ alle famiglie rimaste nelle loro case.
Scendono a 600 le utenze Enel ancora interrotte nell’ascolano, mentre va verso la normalizzazione la situazione del Maceratese e del Fermano.

Il Centro Funzionale Multirischi della Protezione Civile dopo i sopralluoghi eseguiti con gli esperti AINEVA (Associazione interregionale neve e valanghe) ieri e oggi, ha diramato un’allerta ai Comuni e agli enti locali per le problematiche legate a neve e valanghe. L’avvertenza è di prestare la massima attenzione al possibile innesco di fenomeni valanghivi anche di piccole dimensioni non solo nelle aree già conosciute e/o perimetrate nel PAI, ma anche su tutti i versanti con forti accumuli di neve lungo le scarpate delle reti viarie. Si consiglia inoltre la ricorrente consultazione del bollettino meteo e del bollettino di criticità al sito http://www.regione.marche.it/Regione-Utile/Protezione-Civile/Previsione-e-Monitoraggio\Bollettini. La Sala operativa unificata permanente è in funzione h24 come punto di raccordo per lo scambio di informazioni e la comunicazione di situazioni di criticità.

Domani sono in programma ricognizioni con mezzo aereo ed esperti neve e valanghe sui Sibillini da Sarnano, Ussita, Visso, Bolognola, Montesibilla, Foce di Montemonaco, Monte Vettore, Acquasanta, Arquata.

I soccorritori  stanno evadendo tutte le richieste sia nel maceratese che nell’ascolano anche per quanto riguarda la fornitura di fieno agli allevatori.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com