dall’UniUrb

dall’UniUrb

Urbino – Sarà una giornata ricca di eventi, quella di domani per l’Università di Urbino e per la città: inizio alle 11 con la cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2019-2020, in programma nell’Aula Magna dell’Area “Volponi” in Via Saffi, 15 e chiusura alle 21 con il Concerto al Teatro Sanzio dove l’Orchestra “Raffaello” e i musicisti Francesco Darmanin al clarinetto e Nicola Pantani al pianoforte eseguiranno musiche di Mozart e di Beethoven.

L’INAUGURAZIONE DEL 514° ANNO ACCADEMICO DI UNIURB SI CONCLUDE AL TEATRO SANZIO CON LA GRANDE MUSICA
– Domani sera alle 21 il Concerto gratuito per studenti e cittadini –
La giornata in cui l’Università di Urbino Carlo Bo celebra il suo 514° anno accademico si concluderà al Teatro Sanzio con il concerto dedicato dalla Città di Urbino e dall'Università Carlo Bo all'incontro fra studenti e ai cittadini. Il Clarinettista Francesco Darmanin e il Pianista Nicola Pantani eseguiranno con l'Orchestra "Raffaello" diretta dal Maestro Stefano Bartolucci il Concerto per clarinetto e orchestra in La maggiore K. 622 (1791) di Wolfgang Amadeus Mozart e il Piano Concerto N.5 in Mi bem maggiore op. 73 "Imperatore" (1811) di Ludwing Van Beethoven.
Biglietti gratuiti prenotandosi alla pagina https://www.uniurb.it/novita-ed-eventi/4645

clicca l’allegato: 30OTT-inaugurazione-Uniurb


Francesco Darmanin nasce a Firenze nel 1995. Si diploma nel settembre del 2014 con il massimo dei voti, lode e
menzione d'onore nella classe del M° Fabio Battistelli. Tiene il suo primo concerto nelle vesti di solista nel maggio del
2011 presso il Teatro Verdi di Firenze eseguendo "Introduzione, Tema e Variazioni" di G.Rossini. Prende parte a
numerosi concorsi, in cui ottiene numerosissimi Primi premi assoluti. Nel febbraio del 2014 ottiene il ruolo di primo
clarinetto in "Opera da Tre Soldi" di K. Weill e "Rhapsody in Blue" di G. Gershwin dirette dal M° Guido Corti.
Intraprende una regolare attività concertistica con il pianista Mattia Fusi nel panorama italiano. Già primo clarinetto dell'
ESYO (European Spirit of Youth Orchestra) e presso la Camerata Strumentale Città di Prato, fondata da Riccardo Muti.
In qualità di solista si è esibito con Orchestre quali: Orchestra Toscana Classica, Orchestra da Camera fiorentina,
Orchestra del Carmine, Orchestra del conservatorio L. Cherubini, Orchestra Poliziana.
Nicola Pantani  nasce a Rimini nel 1995. Frequenta attualmente la classe del M° Enrico Meyer presso l’Istituto
Musicale Pareggiato ”G. Lettimi” di Rimini dove ha conseguito nel febbraio 2017 il Diploma Accademico di I livello
con il massimo dei voti e lode. E inoltre allievo dei Maestri Enrico Pace e Igor Roma all’Accademia pianistica
internazionale di Imola. Come solista è stato premiato in vari concorsi ricevendo diversi riconoscimenti, tra i quali il
prestigioso premio Casella 2017 nell’ambito della XXXIV edizione del “Premio Venezia”, concorso riservato ai
migliori diplomati dei Conservatori italiani. Nel 2015 è stato selezionato per eseguire presso il padiglione Italia di
Expo Milano musiche di vari autori italiani. Suona stabilmente in duo con il violoncellista F.Stefanelli e con la pianista E.Rumici, con la quale ha vinto diversi primi premi Stefano Bartolucci si è diplomato in pianoforte al conservatorio G.Rossini di Pesaro con il massimo dei voti e la lode sotto la guida del M°Franco Scala, in direzione d’orchestra con il M° Manlio Benzi ed in composizione con il M° Lamberto Lugli.
Ha diretto l’Orchestra del “Teatro Coccia” di Novara, la “Rossini” di Pesaro, la “Corelli” di Ravenna,
l’Orchestra Filarmonica Marchigiana, la EE.UU di Sofia e la G. da Venosa di Avellino, collaborando col Balletto di
Milano e Raffaele Paganini e col Balletto di Mosca. Ha partecipato a numerosi concorsi pianistici e di musica da camera
ottenendo diversi primi premi. Ha svolto una intensa attività concertistica sia come solista che in formazioni
cameristiche nei teatri italiani e stranieri più importanti del mondo.
L'Orchestra Raffaello ha come finalità principali la scoperta e la valorizzazione delle opere liriche di maggior richiamo
e la valorizzazione di solisti del nostro territorio. La gestione di questo gruppo di musicisti con, alle spalle, grandi
esperienze concertistiche, è affidata all’Associazione Itinerarte di cui il Direttore principale, Stefano Bartolucci, è il
presidente.. Dal 2015 ad oggi, grazie all’iniziativa di questo gruppo, hanno riaperto le stagioni liriche di diversi teatri
italiani. La divulgazione del patrimonio lirico italiano è, per questi artisti, una delle prerogative principali. Concerti
didattici, conferenze per gli studenti di ogni ordine e grado, “inviti all’opera”, sono svolti con regolarità nelle scuole delle
Marche e dell’Emilia Romagna. E presto una nuova tournée all’estero.

 

Aperte le iscrizioni alla Winter School per Guardie Ecologiche volontarie

Il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Urbino Carlo Bo ha attivato la Winter School “Il servizio volontario di sorveglianza ecologica”.

Il percorso di approfondimento proposto parte da un’analisi complessiva dei tratti che configurano il ruolo delle guardie ecologiche volontarie, in osservanza a quanto stabilito dalla Legge regionale Marche n. 29 del 19 luglio 1992. Verranno trattati tutti gli aspetti formativi inerenti i compiti di vigilanza ecologica: dai profili organizzatori degli enti pubblici territoriali competenti, alle competenze specifiche delle guardie ecologiche. Con specifico riferimento a quest’ultimo profilo, saranno presentati i regimi di tutela ambientale (acqua, suolo, aria) e di protezione del patrimonio naturale e ambientale (sia in ambito amministrativo che penale).

La figura di Guardia ambientale o ecologica” spiega il professor Alberto Clini, Direttore della Winter School “pur essendo oggetto di una disciplina nazionale e regionale, non comporta una precisa qualificazione nell’organico delle pubbliche amministrazioni, basandosi su un rapporto di volontariato per i soggetti che intendono aderire alle funzioni normativamente riconosciute. Tuttavia, in riferimento a queste ultime competenze, il ruolo di sussidio delle guardie ecologiche agli organi e al personale appartenente alle forze dell’ordine e agli altri enti pubblici assume un valore sempre più centrale quanto al controllo, segnalazione e repressione di situazioni che comportano complessivamente alterazioni ambientali. Di qui – conclude il professor Clini – la disponibilità di aprire un corso di formazione inedito, per fornire un percorso di conoscenze giuridiche amministrativistiche, penalistiche e civilistiche (sulla tutela dell’ambiente, sul governo del territorio e sulle funzioni amministrative di gestione e controllo) accanto a quelle più specificatamente tecniche (sulle conoscenze faunistiche, ittiche, sulla balistica delle armi ecc.)”.

Il corso, si svolgerà nella sede di Giurisprudenza in Via Matteotti, 1 presumibilmente nel mese di gennaio 2020.

Contatti: 0722.303220 (Dott.ssa Daniela Capponi) – scuola.giurisprudenza@uniurb.it

Pagina web: https://www.uniurb.it/corsi/1755597

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com