Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 12:51 di Gio 20 Feb 2020

dalla Regione Marche

di | in: Cronaca e Attualità, dalla Regione Marche, My Marche, Web Tv

image_pdfimage_print

CERISCIOLI:”LE CICLOVIE SVILUPPANO MOBILITA’ SOSTENIBILE PER TUTTE LE COMUNITA’ MARCHIGIANE”

Il presidente della Regione Marche ha presentato la ciclovia del Metauro

 

“Una delle 13 ciclovie delle Marche, finanziata dalla Regione per 4,5 milioni di euro, con 74 chilometri di percorso da Fano a Cantiano e che non interferirà con l’altro progetto nazionale che è quello del ripristino delle ferrovie turistiche. Un progetto che sviluppa la mobilità sostenibile per tutte le comunità marchigiane con 500 chilometri di percorsi ciclabili di cui 250 chilometri già finanziati o addirittura realizzati. Attraverso percorsi a pettine ci sarà la connessione con tutto il territorio regionale e con la ciclovia Adriatica. Un piano che nell’arco di 5 anni vuole realizzarsi inserendosi nell’asset del turismo, in particolare nel cluster delle biciclette dove noi ci stiamo puntando con forza. Voglio ricordare che lo spot andato in onda al Festival di Sanremo con Vincenzo Nibali che pedala in tutte le Marche ha avuto 60 milioni di contatti”.

Così il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli accompagnato dai consiglieri regionali Andrea Biancani e Renato Claudio Minardi e accolto dal sindaco di Colli al Metauro Stefano Aguzzi, ha presentato il progetto della ciclovia del Metauro.

“La ciclovia – ha sottolineato Aguzzi – che interessa il comune di Colli al Metauro è importantissima e faremo di tutto per farla concretizzare al più presto possibile e proprio oggi con i nostri tecnici abbiamo fatto i primi sopralluoghi”.

Un percorso con una pendenza media dell’2,5% e che toccherà 10 Comuni. Il collegamento si collegherà con la ciclovia Adriatica e svilupperà un nuovo sistema di mobilità dolce, fruibile e sicura. L’opera infrastrutturale percorre prevalentemente un contesto extraurbano incrociando reti secondarie di penetrazione nei centri urbani. Attraversa aree di elevato pregio ambientale, paesaggistico, architettonico e aree con itinerario ciclopedonale all’interno del centro storico, con la prospettiva di diventare anche un nodo di collegamento per altri luoghi di interesse.  Inoltre, consentirà anche lo sviluppo delle attività economiche che ruotano intorno al ”bike” come i bike hotel, i fornitori di servizi di noleggio,  fino alle nuove figure di professionali come gli accompagnatori cicloturistici. Il percorso della ciclovia attraversa il territorio di diversi Comuni, quali Fano, Cartoceto, Colli al Metauro, Montefelcino, Fossombrone, Urbino, Fermigano, Acqualagna, Cagli e Cantiano.

Questo il link per scaricare le slide pdf:

https://wetransfer.com/downloads/b91224fc697f55dd9464e126e5dc078d20200212105601/98ef2a9cf144c547c848f06d9015c0f420200212105601/073b0e


Ceriscioli a Fano sulla manutenzione dei porti: “Dare all’intero sistema un’organizzazione efficace attraverso l’Autorità di sistema del Medio Adriatico”

“Dare al sistema portuale marchigiano un’organizzazione efficace non può prescindere dal coinvolgimento dell’Autorità di Ancona nella gestione degli scali regionali”. Lo ha affermato il presidente Luca Ceriscioli, che a Fano ha partecipato all’incontro pubblico “Manutenzione dei porti, da emergenza a sistema”, organizzato dal Comune e dalla Regione. È necessario investire sempre più, ha detto, “sull’Autorità di sistema di Ancona, che cura gli scali statali del Medio Adriatico. Deve diventare un punto di riferimento per l’intera portualità regionale, avendo alta professionalità e competenze. Messe a servizio dell’intera rete portuale, la farebbe funzionare meglio”. Una strada percorsa, con successo, in altri settore, ha sottolineato il presidente, che andrebbe replicata nella gestione dei porti. “Nel momento in cui abbiamo affidato al Consorzio di bonifica gli interventi di messa in sicurezza del territorio, si è visto come operi, in tutta le Marche, con grande qualità, rapidità e competenza. Come pure la Camera di commercio unica che gestisce tutti i rapporti con le imprese attraverso una modalità aggregate in termini regionali. Accorpare diventa una dimensione sfidante, in grado di risolvere molti problemi gestionali”. Ceriscioli ha evidenziato che oggi la manutenzione dei porti regionali è affidata ai singoli Comuni. Negli anni hanno mostrato una certa difficoltà a portare avanti questa attività amministrativa, per ragioni oggettive: “Non è un lavoro solito per loro, sono interventi particolarmente complessi, con regole ambientali molto stringenti e difficoltà nello smaltire il materiale di dragaggio. Inoltre la normativa nazionale di settore non si è evoluta verso la semplificazione, ma ha ulteriormente complicato le questioni. La strada giusta da percorrere ritengo, dunque, sia quella di spostare la gestione dai Comuni all’Autorità di Ancona che potrebbe ampliare la propria operatività agli scali regionali. È un percorso che cerchiamo di condividere con l’Autorità: non arrivato fino in fondo, ma sono convinto che resti la scelta migliore per sostenere la rete portuale regionale”.

 

 

VERTENZA CONAD-AUCHAN – IL PRESIDENTE CERISCIOLI E L’ASSESSORE BRAVI AL SIT IN DEI LAVORATORI
Ceriscioli: ”Chiesto incontro con l’Ad di Conad: vogliamo un dialogo chiaro e trasparente”

 

“Una grossa vertenza, al momento una delle più significative. Parliamo di oltre 160 persone e quindi famiglie, che vedono messo a rischio il proprio posto di lavoro e alle quali garantiamo tutti il nostro sostegno. Ma c’è di più e riguarda tutta la regione,  perchè con un trasferimento delle attività fuori dal territorio si penalizza  un modello  di organizzazione di servizi che ha sempre funzionato. Siamo convinti che la questione vada affrontata su due livelli. Uno è quello del Tavolo regionale dove sarebbe bene che, chi viene e si confronta con la Regione, mantenga poi gli impegni che prende. Al primo tavolo la scorsa settimana sono stati fatti dei ragionamenti che poi sono stati smentiti. Per questo l’assessore al Lavoro Loretta Bravi, che ha seguito la vicenda anche sui tavoli nazionali, convocherà un nuovo incontro al più presto. Ognuno deve fare la sua parte e la Regione la sta facendo,  ma ci interessa poter avere un dialogo chiaro e trasparente  con chi non cambia le carte in tavola nel giro di pochi giorni. Il secondo livello, per noi altrettanto importante, riguarda una interlocuzione con l’amministratore delegato di Conad, che ho già richiesto,  perché vorremmo far capire che quanto sta accadendo non solo danneggia i lavoratori e le loro famiglie, ma probabilmente danneggia anche l’azienda: sia dal punto di vista pratico,  perché forzare su una logistica che ha sempre funzionato significa mettere in difficoltà i punti vendita, sia in termini di immagine. Conad ha costruito la sua reputazione attorno ad un rapporto diverso con le persone, glielo vogliamo ricordare nel caso specifico della nostra regione. Tutelando l’occupazione l’azienda farebbe l’interesse anche del marchio che  va molto bene, ha trovato un modo giusto di raccontarsi e non vorremmo che questo delicato passaggio fosse la buccia di banana che rovina un investimento pluriennale sull’immagine. Non stiamo forzando un’azienda rispetto alle proprie attività , stiamo chiedendo di mantenere un livello di  relazioni e di lavoro nel nostro territorio, che ha sempre fatto funzionare bene le cose”.
Queste le parole del presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli che oggi pomeriggio insieme all’assessore al Lavoro Loretta Bravi e al presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo ha partecipato ad una assemblea in sit in dei sindacati e dei lavoratori  davanti alla sede del deposito di ex Sma Auchan gestito da Xpo Logistics a Osimo.

 

 

giovedì 13 febbraio 2020  03:39

Azioni di rilancio nelle aree terremotate: Concessione di contributi per il miglioramento dei castagneti da frutto, finalizzati all’aumento della produzione di castagne

Con Decreto del Dirigente del Servizio Politiche Agroalimentari n. 39 del 12 febbraio 2020 è stato approvato il bando finalizzato alla concessione di contributi per il miglioramento dei castagneti da frutto ricadenti nell’area del cratere sisma 2016.

L’obiettivo del bando è la realizzazione di investimenti nei castagneti da frutto ricadenti nell’area del cratere sisma 2016 per il perseguimento di obiettivi di aumento della produzione di castagne, dell’occupazione e del reddito.

I destinatari del bando sono le imprese agricole.

Le domande di sostegno possono essere presentate sul Sistema Informativo Agricolo Regionale (SIAR) a partire dal giorno 27 febbraio 2020 fino al giorno 28 maggio 2020, ore 13.00

Per maggiori informazioni vai al bando

 

 

 

MUSICA PER IL LAVORO: A CAMERINO PRESENTAZIONE NUOVO BANDO CON IL MAESTRO MOGOL E I SUOI ALLIEVI

Visto il successo della prima edizione, la Regione Marche ha deciso di lanciare la seconda edizione del bando “percorsi formativi nell’ambito della musica popolare rivolti a 15 nuovi giovani talenti marchigiani” che verrà presentata durante un evento previsto per la mattina del 15 febbraio (9 – 11.45) presso l’Auditorium Benedetto XIII, gentilmente concesso dall’Università di Camerino.

Intitolato “Musica per il Lavoro”, l’evento vedrà la presenza di circa 450 studenti delle classi quarte e quinte degli Istituti di Istruzione superiore “Don Pocognoni”, “E. Divini”, “G. Antinori” e “Costanza Varano” di San Severino Marche, Camerino e Matelica.

Interverranno l’assessore regionale all’Istruzione, al Lavoro e alla Formazione Loretta Bravi, il M° Giulio Rapetti Mogol, il Rettore dell’Università di Camerino Claudio Pettinari, il  sindaco di Camerino Sandro Sborgia e l’Arcivescovo di Camerino e San Severino, Mons. Francesco Massara.

Si comincerà con i saluti delle istituzioni a cui seguirà la presentazione, da parte dell’assessore Bravi, della nuova edizione del bando che si propone di offrire ai giovani marchigiani  “concrete opportunità di affermazione professionale nel campo della musica e della carriera artistica in senso ampio, attraverso un percorso formativo che approfondisca la distinzione fra valori umani, fenomeni di mitizzazione, distorsione del successo e conseguenti pericoli per la crescita individuale”.

La parola passerà poi alla musica con uno spettacolo degli artisti marchigiani che hanno usufruito l’anno scorso dell’opportunità formativa offerta dalla Regione.   In conclusione si svolgerà un confronto fra questi giovani e gli studenti presenti ed un approfondimento da parte del M° Mogol e dei referenti regionali sulle molteplici opportunità offerte dall’industria musicale.

© 2020, Redazione. All rights reserved.




13 Febbraio 2020 alle 20:23 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata