dalla Città

dalla Città

 

 

 

Martedì 18 aprile si aprono i termini per fare domanda in risposta al bando per l’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata (case popolari).

 

Possono presentare domanda tutti coloro che si trovano nelle seguenti condizioni:

a) essere cittadini italiani o di un Paese appartenente all’U.E. ovvero cittadini di paesi che non aderiscono all’U.E., titolari di carta di soggiorno o possessori di permesso di soggiorno di durata biennale già maturato;

b) avere la residenza o prestare attività lavorativa nel Comune di San Benedetto del Tronto;

c) non essere titolari in tutto il territorio nazionale, della proprietà, uso, usufrutto o altro diritto reale di godimento, di un’altra abitazione adeguata alle esigenze del nucleo familiare che non sia stata dichiarata unità collabente (cioè in condizione di non produrre reddito) ai fini del pagamento dell’imposta municipale sugli immobili (IMU);

d) i redditi del nucleo familiare percepiti nell’anno d’imposta 2015 non devono superare un limite di valore ISEE pari ad €. 11.513,00. Tale limite è aumentato del 20% per le famiglie monopersonali, ovvero pari ad €. 13.815,60.

e) non aver avuto precedenti assegnazioni in proprietà o con patto di futura vendita di alloggio realizzato con contributi pubblici o precedenti finanziamenti agevolati in qualunque forma concessi dallo Stato o da Enti Pubblici, salvo che l’alloggio non sia più utilizzabile o sia perito senza aver dato luogo a indennizzo o a risarcimento del danno.

 

I requisiti sopra indicati devono essere posseduti dal richiedente e, limitatamente a quelli di cui alle lettere c) ed e), anche da tutti i componenti il nucleo familiare al momento della presentazione della domanda e debbono permanere al momento dell’assegnazione e successivamente nel corso della locazione.

 

Le domande vanno presentate al protocollo del Comune entro giovedì 1 giugno 2017.

 

Bando integrale e modulistica disponibili sul sito www.comunesbt.it (sezione “Altri bandi e avvisi”)

 

E’ stata pubblicata l’ordinanza sindacale che integra un analogo precedente provvedimento del 2012 circa i divieti di circolazione per i veicoli più inquinanti. Come tutti i Comuni marchigiani più a rischio di sforamenti dei limiti delle polveri sottili, il Comune di San Benedetto ha dovuto emanare un provvedimento per limitare la circolazione nel proprio territorio dei mezzi più inquinanti. La novità rispetto al passato è che il divieto interessa ora anche i veicoli “Euro 3” prima autorizzati a circolare, oltre ovviamente a quelli che hanno una classificazione inferiore .

 

Il divieto di transito opererà su tutto il territorio comunale fino al 15 maggio 2017 nella fascia oraria compresa tra le 8.30 e le 12 e tra le 14.30 e le 18,30 dal lunedì a venerdì (festivi esclusi) per riprendere dal 15 settembre.

 

Tra le esenzioni previste, i taxi, veicoli di soccorso e delle forze di polizia, di enti ed aziende di pubblici servizi, veicoli per il trasporto dei disabili. Il testo integrale è consultabile sull’albo pretorio on line all’indirizzo www.comunesbt.it

 

Nell’ordinanza si sottolinea ancora che, qualora gli sforamenti dei limiti di concentrazione di polveri sottili PM10 dovessero ripetersi per più di sette giorni, il Comune potrà adottare un’ulteriore misura come l’abbassamento del limite di velocità di 20 chilometri orari nelle aree urbane nonché adottare incentivi per l’utilizzo del trasporto pubblico e la mobilità condivisa.

 

Il testo integrale dell’ordinanza

 

Si trasmette la risposta del Comune alla lettera della Soprintendenza relativa ai lavori per il pennello dell’Albula:
http://comunesbt.us14.list-manage.com/track/click?u=cee83d27890e284441c7cbf86&id=0ef0529364&e=56e1ad4f58
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com