La Regione Marche dichiara lo stato di emergenza climatica ed ambientale

La Regione Marche dichiara lo stato di emergenza climatica ed ambientale

Assemblea Legislativa delle Marche
Gruppo Consiliare del Partito Democratico
LA REGIONE MARCHE DICHIARA LO STATO DI EMERGENZA CLIMATICA E AMBIENTALE APPROVATA LA MOZIONE DEL CONSIGLIERE FABIO URBINATI
“NON UN ATTO SIMBOLICO MA UNA DICHIARAZIONE DI INTENTI”


ANCONA, 2 OTTOBRE 2019 – La Regione Marche dichiara lo stato di emergenza climatica ed
ambientale approvando, nella seduta di ieri, martedì 1°ottobre, del Consiglio regionale, la mozione
di cui primo firmatario è il capogruppo Pd Fabio Urbianti, sottoscritta anche dai Consiglieri Minardi e Mastrovincenzo.
Le Marche sono ora la terza delle 20 regioni italiane ad aggiungersi alla schiera delle pubbliche
amministrazioni che hanno dichiarato l’emergenza climatica sottoscrivendo l’impegno istituzionale
a mettere in atto politiche ed azioni forti e pervasive volte a contrastare la deriva climatica in corso.
Non solo un atto simbolico ma una assunzione di consapevolezza e responsabilità politica ed una
dichiarazione di intenti che mira a rafforzare ulteriormente le politiche, le azioni e le iniziative
volte al contrasto del cambiamento climatico e a considerarlo una priorità trasversale ai propri
piani e programmi, alle politiche economiche e agli accordi da perseguire
”.
Questo secondo il capogruppo Urbinati, da sempre in prima linea nella difesa dell’ambiente e nella
promozione di una economia “green”, è la dichiarazione dello stato di emergenza approvata nella
seduta del consiglio regionale delle Marche di ieri, un documento con il quale la Regione
“vuole
giocare un ruolo importante anche nei confronti del governo affinchè riveda la sua posizione e
dichiari quanto prima lo stato di emergenza, riconoscendo così l’esigenza di porre in essere tutte
le azioni necessarie e non rinviabili e volte a non compromettere il futuro delle giovani generazioni”.
Dalla legge regionale n.35 del 27 gennaio 2016 che dispone l’esenzione del pagamento della tassa
automobilistica per il primo periodo fisso e per le cinque annualità successive per i proprietari di
nuovi autoveicoli con alimentazione ibrida (benzina-elettrica o gasolio- elettrica, inclusiva di
alimentazione termica, o benzina-idrogeno), immatricolati per la prima volta nel corso del 2017,
alle agevolazioni per le auto a bassa emissione che vanno dalla sosta gratuita sulle strisce blu allo
sconto per l’accesso alle Ztl, passando per le due leggi regionali, la n. 24 del 2018 e la n. 25 del
2018 volte a favorire rispettivamente la diffusione di distributori di prodotti alla spina e del
concetto circolare di “ridurre, riusare e riciclare”;la Regione Marche riconosce la lotta al
cambiamento climatico e la transizione a un’economica sostenibile come priorità assolute di oggi e
dei prossimi anni.
“L’innalzamento della concentrazione di C02 in atmosfera – riprende il Presidente del gruppo Pd -,
causa prima dei cambiamenti climatici, ha raggiunto il più elevato livello mai registrato con un
valore di 415 parti per milione e le sue conseguenze sono osservabili da vicino, anche nella nostra
Regione, con eventi meteo sempre più estremi e frequenti che vanno dai nubifragi alle violente
grandinate come quella verificatasi martedì 9 luglio 2019, alle ondate di calore torrido e
insostenibile del mese di luglio. Tutto ciò causa danni alla salute al sistema idreogeologico,
all’agricoltura e in generale all’economia, alle abitazioni e ai beni di proprietà delle persone come
le automobili.La svolta ad una economia verde e circolare rappresenta un volano per l’economia
regionale e apre la strada a nuove opportunità imprenditoriali e occupazionali.
Riconoscere lo stato di emergenza climatica ed ambientale – conlude Urbinati – significa accogliere
le istanze poste dal mondo ecologista e dal movimento di protesta internazionale “Fridays for
Future” con una particolare attenzione alla conversione ecologica della nostra società, dando
impulso all’economia verde e circolare, all’uso delle fonti rinnovabili al posto dei combustibili
fossili, all’efficienza energetica, all’agricoltura biologica, alla riqualificazione energetica di edifici
pubblici e privati. Il contributo che l’assemblea legislativa può dare con l’approvazione di questa
mozione è determinante per la risoluzione di una problematica, come quella ambientale, che può
essere affrontata solo collettivamente”.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com