Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 15:32 di Gio 9 Apr 2020

dalla Regione Marche

di | in: Cronaca e Attualità, dalla Regione Marche, My Marche, Web Tv

image_pdfimage_print

CERIMONIA DI PREMIAZIONE DELLE ATLETE SAMANTHA CIURLUINI E MARGHERITA MAZZANTINI, MEDAGLIE D’ORO DELLA NAZIONALE TRAPIANTATI

Ceriscioli: “Orgoglio della regione che per numero di donatori ha un altro record, quello della generosità”

  

Due atlete marchigiane,  Samantha Ciurluini e Margherita Mazzantini, medaglie d’oro della nazionale trapiantati ai World Transplant Games tenuti a Newcastle, sono state premiate questa mattina nella sede regionale dal presidente della Regione, Luca Ceriscioli. “Continuiamo in questa bella attività di riconoscere gli atleti che raggiungono risultati importanti per la nostra regione. Attraverso lo sport si possono fare tanti racconti, quello di  oggi è speciale, parliamo di persone che hanno avuto un trapianto e attraverso lo sport hanno deciso di dare un percorso alla propria esistenza. Per dimostrare che dopo il trapianto si torna veramente a vivere, per ringraziare chi ha donato organi e spingere sulla donazione, un messaggio positivo che fa capire il valore della donazione che restituisce la vita. Lo sport riesce a raccontare tutto della nostra comunità, orgoglio della regione che per numero di donatori ha un altro record, quello della generosità”.

Le campionesse marchigiane, testimonianza attiva dell’importanza della donazione di organi e tessuti, hanno gareggiato ai World Transplant Games tenuti a Newcastle in Inghilterra dal 17 al 24 agosto scorso con la nazionale italiana trapiantati Aned Onlus.

Samantha Ciurlini, quarantenne fermana, è trapiantata di polmoni da 8 anni.  Ha conquistato la medaglia d’oro nel volley, nel getto del peso e lancio della palla, argento nel lancio del giavellotto.  Margherita Mazzantini, di Osimo, 52 anni, è trapiantata di rene e pancreas da quasi 19 anni. Ha vinto la medaglia d’oro nel volley e la medaglia di bronzo nel calcio a 6. E’ consigliera nazionale Aned Onlus, l’associazione di dializzati e trapiantati più longeva in Europa.

“Orgogliose di essere marchigiane, felici di questa occasione importante per parlare di donazione e ribadire che il trapianto è vita – hanno detto le atlete – Scendiamo in campo per onorare i nostri donatori che ci hanno permesso di continuare a vivere dopo lunghe e serie malattie, per essere una speranza per chi ancora è in attesa di un organo, per diffondere sempre più la cultura della donazione”.

Alla cerimonia di premiazione hanno partecipato le associazioni di riferimento e i responsabili medici della Clinica  e del dipartimento Trapianti dell’Azienda Ospedali Riuniti di Ancona. “Regione eccezionale in termini di generosità – ha detto il direttore del dipartimento Gastroenterologia e Trapianti dell’azienda ospedaliera Ospedali Riuniti di Torrette, Andrea Ranghino – Le Marche hanno il primato delle donazioni in Italia, punto di grande orgoglio”. Fare attività sportiva è una medicina, ha aggiunto Ranghino che ha poi illustrato il progetto in via di definizione ‘Sport e trapianti’ in collaborazione con i medici della medicina dello sport e della fisiatria e fisioterapisti per valutare l’idoneità del pazienti trapiantati all’attività sportiva supportati dagli operatori con programmi ad hoc.

Samantha e Margherita sono le uniche rappresentanti delle Marche nella nazionale allestita dall’associazione emodializzati Aned, insignita della medaglia d’oro al merito della sanità pubblica. Da oltre 40 anni difende i diritti dei pazienti nefropatici e promuove la donazione di organi e la terapia del trapianto. Da circa 20 anni Aned promuove lo sport come pratica essenziale e terapeutica per tutti i pazienti organizzando sul territorio nazionale eventi sportivi. Aned, tramite Aned sport, ha l’incarico di costituire la Nazionale italiana trapiantati con atleti provenienti da tutte le regioni e trapiantati di ogni organo.     


Presentata l’edizione 2020 della Bit

Luca Ceriscioli : “C’è entusiasmo attorno alla proposta turistica delle Marche e stiamo lavorando per portare fino in fondo un progetto forte.”

 

 

Campionati della cucina italiana 2020: il team “Marche” ai fornelli per una “cena di allenamento” in vista della sfida di Rimini. Luca Santini: “Competenze e creatività”. Anna Casini: “Tradizione e innovazione”

Poteva sembrare un appuntamento conviviale, ma in realtà si è trattato di una vera e propria “cena d’allenamento” attorno fornelli dell’Istituto di istruzione secondaria superiore “Carlo Urbani” di Porto Sant’Elpidio che ospita anche il professionale enogastronomico. L’evento è stato organizzato, nei giorni scorsi, dal Team Cuochi Marche che parteciperà, il 18 febbraio, ai Campionati della cucina italiana di Rimini. Una sfida “a colpi di padelle”, organizzata nell’ambito della manifestazione “Beer&Food Attraction 2020” e che rappresenta la più importante competizione di cucina Italia. Oltre 500 cuochi si affronteranno nelle diverse categoria previste (a partire dal 15 febbraio), all’insegna della tradizione e dell’innovazione. Il Team Marche sarà composto da Gianmarco Di Girolami, Daniel Orso, Alessandro Campetella, Alberto Grilli, Giacomo Santini, Stefano Berardinelli, Mattia Orianda, Massimiliano Mandozzi. A Porto Sant’Elpidio gli chef hanno affinato le tecniche di gara e preparato piatti con cui duelleranno con i migliori cuochi nazionali che si frapporranno alla conquista del titolo nazionale. “È stata una grande serata di allenamento e di amicizia per creare quell’intesa che potrà fare la differenza a Rimini – ha commento Luca Santini, presidente Unione regionale cuochi Marche – Il successo si giocherà abbinando competenze tecniche e creatività, che non mancano certo alla squadra che metteremo in campo”. La vice presidente della Regione, Anna Casini, ha affermato che “i campionati rappresentano una grande vetrina per consolidare la presenza marchigiana nell’ambito della ristorazione e dell’enogastronomia italiana. Le Marche vantano una solida tradizione di genuinità dei prodotti e di creatività in cucina che sa innovarsi sempre all’insegna della qualità”.

 

 

LO SPOT “LE MARCHE, PARADISO DEL BIKE” VISTO DA 12 MILIONI DI TELESPETTATORI NELLA SERATA DI APERTURA DI SANREMO

LUCA CERISCIOLI: OBIETTIVO RAGGIUNTO

Ieri sera è andato in onda su Rai Uno, alle 21.45, nella serata di apertura di Sanremo,  il primo degli spot promozionali “Le Marche , il paradiso del bike “ con il testimonial Vincenzo Nibali, che si ripeteranno nelle diverse versioni per tutta la durata del Festival.

 “Oltre 12 milioni di telespettatori hanno visto ieri sera lo spot durante la prima puntata – commenta il presidente Luca Ceriscioli – che ha registrato quindi uno share record del 52% . Possiamo dire, dunque, che l’obiettivo di massima diffusione della nostra immagine è stato raggiunto. Vogliamo promuovere il nostro territorio bellissimo e accogliente e invitare i visitatori, che nel movimento dolce della bicicletta si riconoscono, a conoscerlo e ad amarlo per i tanti scenari che può offrire. Questo significa puntare sul Turismo come volano di sviluppo e ricchezza per le Marche.”

 

 

 

© 2020, Redazione. All rights reserved.




5 Febbraio 2020 alle 17:08 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata