dalla Regione Marche

dalla Regione Marche
lunedì 28 novembre 2022  16:10

Destinati 935mila euro per le politiche della famiglia. Saltamartini: “Sostegno per nascita e adozione figli, superamento disagio sociale e rafforzamento alla genitorialità”

Destinati 935 mila euro per le politiche della famiglia, di cui 795 mila di risorse statali e 140 mila regionali. La Giunta, nella sua seduta settimanale, ha dato infatti il via libera ai criteri e alla modalità di utilizzo del Fondo statale per le politiche della famiglia 2022 per interventi di sostegno per la nascita o per l’adozione di figli, per il superamento di situazioni di disagio sociale, economico ed abitativo e per il rafforzamento del ruolo genitoriale.

“Gli interventi proposti dalla Regione – ha sottolineato Saltamartini – si pongono in linea di continuità rispetto al precedente Fondo Famiglia 2021 attraverso il sostegno per la nascita o per l’adozione di figli, in special modo finalizzati alla prevenzione dell’interruzione di gravidanza, alla solidarietà alle ragazze madri e al supporto alle famiglie che hanno adottato un bambino. A questi si aggiungono interventi per il superamento di situazioni di disagio sociale, economico e abitativo per famiglie e genitori separati, per famiglie con numero di figli pari o superiore a quattro, per famiglie con figli minori di età rimasti orfani di uno o entrambi i genitori, per nuclei familiari multiproblematici, con figli minori, già in carico ai servizi”.

“Inoltre – ha concluso l’assessore – la delibera stabilisce il rafforzamento dei Centri per la famiglia e scuole per genitori per la realizzazione di attività di mediazione familiare e servizi informativi finalizzati a rendere effettivo l’esercizio del ruolo genitoriale”.

I criteri di riparto delle risorse stabiliscono il 30% della somma da suddividere in egual misura tra tutti gli Ambiti Territoriali Sociali (Ats), il 30% da suddividere in maniera proporzionale al numero di donne in età fertile (15-49 anni) residenti nei territori di competenza, il 30% da suddividere in maniera proporzionale al numero dei minori in fascia di età 0-17 anni e il restante 10% da suddividere in maniera proporzionale all’estensione territoriale degli Ats. Le somme destinate verranno erogate con queste modalità: metà a titolo di acconto entro l’anno corrente affinché gli ATS possano intraprendere le azioni attuative degli interventi deliberati: in particolare pubblicare i bandi e gli avvisi per i contributi. Il saldo, invece, sarà erogato ad avvenuta rendicontazione, che avverrà entro il mese di luglio 2023. L’incidenza temporale del finanziamento va dal primo luglio 2022 al 30 giugno 2023.

lunedì 28 novembre 2022  16:17

Ex ospedali psichiatrici, stanziati 521mila euro per la ristrutturazione dell’immobile nell’area ex Crass del capoluogo regionale

Ex ospedali psichiatrici, stanziati 521mila euro per la ristrutturazione dell’immobile nell’area ex Crass del capoluogo regionale

“Con il finanziamento per la riqualificazione dell’edificio situato all’area ex Crass, abbiamo compiuto un ulteriore passo in avanti per realizzare una rete ospedaliera efficiente e adeguata alle esigenze dei cittadini. Una ulteriore tappa della sinergia con Asur per migliorare le strutture ospedaliere della regione”.

È il commento dell’assessore alle Infrastrutture e all’Edilizia Ospedaliera Francesco Baldelli, all’approvazione, da parte della Giunta regionale, del programma di utilizzo delle risorse assegnate alla ristrutturazione e riqualificazione energetica degli ex ospedali psichiatrici presenti nelle Marche, tra cui quella relativa al Padiglione 4 dell’edificio nell’area ex Crass, in Via Colombo ad Ancona.

“Un intervento – precisa l’assessore Baldelli – che Asur, proprietaria di tutti gli immobili adibiti a ex ospedali psichiatrici, ha ritenuto prioritario, e al quale la Regione Marche ha assegnato risorse pari a 521mila euro. Siamo in presenza di edifici che hanno un elevato valore storico, artistico e culturale per il territorio di riferimento, e che pertanto necessitano di profondi interventi strutturali al fine di migliorare l’efficienza dei servizi offerti”.

Oltre alla progettazione e realizzazione di nuovi ospedali, l’adeguamento sismico e l’efficientamento energetico degli edifici esistenti sul territorio rappresentano i principali interventi che seguono la rotta delineata dal Masterplan dell’edilizia sanitaria e ospedaliera, una rotta che ha l’unica destinazione di realizzare una rete di strutture sanitarie e ospedaliere moderne, efficienti e diffuse in maniera omogenea su tutto il territorio regionale.

lunedì 28 novembre 2022  17:43

Gas Plus Storage, l’assessore Aguzzi ha chiesto alla Giunta regionale di costituirsi in giudizio a supporto dei Ministeri contro il ricorso della società

Gas Plus Storage, l’assessore Aguzzi ha chiesto alla Giunta regionale di costituirsi in giudizio a supporto dei Ministeri contro il ricorso della società

Oggi l’assessore all’Ambiente Stefano Aguzzi ha chiesto alla Giunta Regionale di conferire mandato all’Avvocatura regionale di costituirsi in giudizio a supporto dei Ministeri, contro la Gas Plus Storage.

Il ministero della transizione Ecologica (divenuto oggi Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica) di concerto con il ministero della Cultura tramite il D.M. n. 268 del 13.07.2022 ha ritenuto non sussistere i presupposti per la proroga di validità della VIA relativa al progetto stoccaggio di Gas naturale a San Benedetto del Tronto. La Società Gas Plus Storage ha presentato, quindi, ricorso nei confronti del provvedimento ministeriale, dandone comunicazione alla Regione Marche, alla Provincia di Ascoli Piceno, al Comune di San Benedetto del Trono e all’Associazione ambiente e salute del Piceno, chiedendo l’annullamento del provvedimento di diniego della proroga.

“Ho richiesto alla Giunta Regionale, vista la volontà della Società Gas Plus Storage, di costituirsi in giudizio, a supporto dei Ministeri, contro l’istanza che la Società stessa ha presentato al TAR del Lazio – ha commentato l’assessore all’Ambiente Stefano Aguzzi – La Regione Marche ha più volte manifestato la volontà di essere contraria a tale progetto per via di molte specificità del territorio che devono essere prese in considerazione, come l’area fortemente urbanizzata, la sismicità della zona, le infrastrutture strategiche e l’altissima vocazione turistica. Pertanto – conclude l’assessore Aguzzi – è interesse primario della Regione adottare ogni iniziativa atta a scongiurare l’accoglimento del ricorso”.

© riproduzione riservata
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com