dalla Regione Marche

dalla Regione Marche
giovedì 29 ottobre 2020  12:53

Progetto Interreg Europe 2LIFES Studio Psicosociale sulle barriere al ri-uso: questionario on-line

La Regione Marche, PF Bonifiche, Fonti Energetiche, Rifiuti e Cave e Miniere partecipa in qualità di partner al Progetto Europeo 2LIFES – Promoting Re-use from the Public Policies (promuovere il riuso attraverso le politiche pubbliche) dal programma INTERREG EUROPE. Il capofila è EMULSA, Municipal Company of Urban Environment Services of Gijon (ES).

L’Europa deve accelerare il suo ingresso nell’era del riuso. La vecchia equazione dell’economia lineare “produrre, usare e buttare” non è più valida. Tuttavia, una parte significativa di beni riutilizzabili come elettrodomestici ed AEE (Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), libri, vestiti, mobili e cibo, viene ancora sprecata e smaltita in discarica.

Il progetto vuole essere uno strumento per contribuire a promuovere il riuso attraverso le politiche pubbliche.

A differenza dei precedenti progetti di prevenzione dei rifiuti a cui la Regione ha partecipato, 2LIFES si concentra esclusivamente sul riuso e più specificamente sulle attività di riutilizzo promosse dalle pubbliche amministrazioni, un aspetto ancora solitamente promosso dal terzo settore.

Con la partecipazione a questo progetto, la Regione Marche intende trovare nuove soluzioni per integrare e migliorare la rete di centri di riuso già operativa sul territorio, migliorare ed aggiornare il Programma Regionale di Prevenzione dei Rifiuti individuando nuovi obiettivi e nuove attività riguardanti il riutilizzo di materiali e oggetti.

I principali risultati attesi sono un aumento delle competenze dei partners nella pianificazione e nello sviluppo di iniziative sul riuso, una maggior sensibilizzazione delle famiglie, delle imprese e delle amministrazioni sulla necessità di modificare i modelli di consumo e sostituire il vecchio paradigma del “produrre, utilizzare, scartare” con uno nuovo che metta al centro la prevenzione e il riutilizzo di beni ancora in grado di svolgere efficacemente la loro funzione originaria.

Link al sito ufficiale: https://www.interregeurope.eu/2lifes/

Link al sito Regionale: http://www.regione.marche.it/Regione-Utile/Ambiente/Rifiuti-e-inquinamento/Progetti-Europei#2-Lifes

Studio psicosociale sulle barriere al riutilizzo per diversi gruppi di popolazione e per prodotti riutilizzabili attraverso indagini e analisi

Il progetto prevede lo sviluppo di uno Studio psicosociale riguardante le barriere sociali e culturali nei confronti del riutilizzo di beni che possono essere ri-usati (Psychosocial Study on barriers to re-use).

Lo Studio fornirà una relazione finale in cui vengono individuati sia i gruppi di popolazione scettici nei confronti del riuso di specifici beni che possono essere riusati, sia le motivazioni riscontrate.

A tal fine è stato predisposto un questionario da sottoporre a soggetti appartenenti a diverse realtà sociali per raccogliere dati utili e garantire il migliore risultato.

La compilazione del questionario è anonima e richiederà un tempo massimo di 20 minuti.  Le domande sono vincolanti, pertanto il sistema consentirà di proseguire solo dopo aver risposto alla domanda precedente.

Questo è il link al questionario:

http://questionari.regione.marche.it/index.php/358673

NELLE MARCHE I MESTIERI DELLO SPETTACOLO DAL VIVO NON SI FERMANO – La Regione approva progetto di sostegno alle attività del comparto per 120mila euro

Quale tempestiva e concreta risposta all’improvvisa interruzione delle attività di spettacolo dal vivo a seguito dell’ultimo DPCM del 24 ottobre, la Regione Marche attraverso l’Assessorato alla Cultura lancia il progetto “MARCHE PALCOSCENICO APERTO. I MESTIERI DELLO SPETTACOLO NON SI FERMANO”, un bando da 120mila euro rivolto a tutti gli artisti e alle compagnie professionali delle Marche attivi negli ambiti del teatro, della danza, della musica e del circo contemporaneo. L’invito è a sviluppare un progetto performativo attraverso tutti gli strumenti – a partire dal digitale, mediante il ricorso al telefono ma anche alle molte piattaforme in uso- che consentono da subito di svolgere attività anche ‘a teatri chiusi’, non prevedendo di utilizzare uno spazio con partecipazione del pubblico in presenza. Live streaming, creazioni per le piattaforme digitali, spettacoli per Whatsapp o telefono e così via: alla creatività degli artisti nessun limite, se non quello di inventarsi innumerevoli “teatri virtuali” in cui poter incontrare gli spettatori.
La Regione Marche vuole in questo modo anche lanciare una proposta all’Italia intera: è fondamentale in questo momento trovare forme innovative per sostenere e retribuire il lavoro artistico, piuttosto che limitarsi solo ai  pur giusti  “ristori”.

“Il provvedimento – spiega l’assessore Latini -, uno dei primi approvati con il presidente Acquaroli, vuole essere un segno di attenzione per il settore in un momento difficile, in cui i teatri sono costretti alla forzata chiusura. Non si tratta di assistenzialismo, ma di un incentivo  per fare in modo che l’attività artistica, un lavoro a tutti gli effetti con la sua grande rilevanza produttiva ed economica, non si fermi, consentendo al tempo stesso di esplorare nuove e suggestive possibilità creative. Quello che la giunta vuole condividere è anche  un messaggio positivo sul valore della cultura e del suo effetto in termini di benessere sociale. Per questo motivo seguiranno ovviamente anche altre iniziative regionali a sostegno del comparto”.

Venerdì 6 novembre verrà diffuso l’invito a inviare progetti all’AMAT soggetto attuatore del progetto, fino alla scadenza di lunedì 23 novembre. Le proposte selezionate (a cui  potrà essere assegnato un contributo massimo di € 5.000 ciascuna) andranno poi a comporre un vero e proprio cartellone di programmazione di spettacoli che, grazie alla possibilità di potersi connettere da qualsiasi luogo, verrà messo a disposizione di tutti gli spettatori, ovunque si trovino.

 

 

giovedì 29 ottobre 2020  06:00

Bando per progetti di cooperazione allo sviluppo per l’anno 2020

Bando per progetti di cooperazione allo sviluppo per l'anno 2020

Per promuovere le attività di cooperazione internazionale e sviluppare la progettualità dei soggetti del territorio marchigiano, la Regione Marche partecipa finanziariamente alla realizzazione di iniziative promosse da Associazioni, ONG e da tutti gli altri soggetti previsti dall’art. 11 della LR 9/2002 mediante un bando per la concessione di contributi per la realizzazione di progetti territoriali di solidarietà internazionale e cooperazione allo sviluppo.

Le tipologie di progetto ammissibili fanno riferimento a quelle individuate dalla Delibera del Consiglio Regionale n. 93/2019 – che approva il piano triennale delle attività 2019/2021 della Regione Marche.

La dimensione finanziaria del Bando è di € 240.000,00 e la scadenza è fissata al 29 novembre 2020.

 

Link al BANDO

 

giovedì 29 ottobre 2020  16:09

DGR 1098/2020: Proroga Bando “INIZIATIVE PROMOZIONALI E DI VALORIZZAZIONE DEL SETTORE AGROALIMENTARE – ANNO 2020”

Con Decreto del Dirigente della P.F. Competitività e Multifunzionalità dell’impresa agricola e SDA di Fermo – Ascoli Piceno n. 273 del 29/10/2020 è stato prorogato il “Bando per la concessione di contributi a soggetti diversi per iniziative di valorizzazione e promozione agroalimentare ai sensi della DGR n. 1249 del 05.08.2020 – Anno 2020” di cui al DDPF n. 233 del 29 settembre 2020

Possono presentare domanda: Enti Locali, soggetti pubblici, organizzazioni di categoria o professionali, Consorzi che raggruppano produttori o soggetti anche privati che hanno una comprovata esperienza in materia di promozione e valorizzazione delle produzioni enogastronomiche regionali.

Il bando sostiene Eventi di promozione e valorizzazione delle produzioni enogastronomiche di rilievo regionale, nazionale o internazionale.

Il nuovo termine per la presentazione delle richieste di contributo è il 10 novembre 2020

Per maggiori informazioni si rimanda alla pagina del bando

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com